Il benessere intestinale: i 3 poteri dei cibi bianchi

Il benessere intestinale: i 3 poteri dei cibi bianchi

 

Il benessere intestinale è un obiettivo tanto desiderato quanto, in apparenza, irraggiungibile. Circa la metà degli Italiani dichiara di soffrire di problematiche intestinali non legate a specifiche malattie, ma a situazioni quali gonfiore, fastidio addominale, stitichezza. A volte vi sono associate anche difficoltà digestive. Abbiamo però a portata di mano un potente aiuto: i cibi bianchi.

Il benessere intestinale: uno studio recente

Il benessere intestinale, secondo un recente studio, richiede alcune condizioni di base. Idratazione sufficiente, consumo di fibre e nutrienti adeguati. Ne emerge che la popolazione italiana è lontana dalla corretta assunzione dei 25 grammi al giorno di fibre previsti per gli adulti. Ed anche l’idratazione è poco adeguata. Come ci possono aiutare i cibi bianchi?

I cibi bianchi e le fibre

Il cibi bianchi favoriscono il benessere intestinale perché sono ricchi di fibre. Le fibre riducono l’assorbimento di zuccheri e grassi, facilitando uno stato di salute ottimale. Ma, soprattutto, assorbono acqua e quindi aiutano il transito intestinale. Ne sono ricchi particolarmente i legumi. Esempi di legumi bianchi sono i fagioli cannellini, corona e, per l’appunto, i bianchi di Spagna. Anche ortaggi quali cavolfiori, finocchi e rape bianche sono ricchi di fibre. Hanno altresì una buona quantità di acqua, che aumenta l’idratazione. Ricordiamo anche alcuni tipi di frutta bianca con parecchia fibra, quali pere e mele. Se le mangiamo con la buccia, la fibra aumenta.

il benessere intestinale
le pere sono ricche di fibre credits pixabay

Ortaggi antibatterici

La natura ci mette a disposizione altri preziosi ortaggi bianchi per il benessere intestinale. Si tratta di aglio, cipolle, porri. Sono ricchi di acqua e contengono fibre. Ma hanno un plus fantastico: sono dei veri e propri antibatterici naturali. Esercitano quindi un’azione preventiva e depurativa, che facilita la rimozione di microbi dall’intestino. La cipolla, in particolare, è anche diuretica e disintossicante. Tutti gli alimenti visti finora sono poco calorici, e si prestano a numerose e varie preparazioni adattabili a tutti i gusti e per tutte le stagioni.

il benessere intestinale
aglio e cipolla antibatterici naturali credits pixabay

Il benessere intestinale e l’idratazione

Abbiamo visto che bere a sufficienza è fondamentale per il benessere intestinale. Gli alimenti di cui abbiamo parlato sono ricchi di acqua. L’effetto che hanno è quindi duplice: ci forniscono acqua e fibre. Ciò è particolarmente importante per coloro che tendono a bere poco. Ma hanno anche un’altra importante proprietà: contengono il potassio. Il potassio è un elemento che contribuisce a mantenere un corretto equilibrio idrosalino nell’organismo. Un frutto bianco, la banana, ne è notoriamente ricco.

I latticini, preziosi per il benessere intestinale

Il terzo pilastro per il benessere intestinale sono i fermenti. Ed ecco che ci viene in aiuto un’altra serie di cibi bianchi: latte, yogurt, kefir. Si tratta dei “batteri buoni” indispensabili per la nostra salute intestinale. Hanno un’azione metabolica, difensiva e digestiva. Ci aiutano a combattere gonfiore, diarrea e stitichezza. In altri termini, contribuiscono ad un buon microbiota. Si tratta inoltre di cibi che hanno comunque un effetto idratante, gradevole sia in inverno sia in estate. In più, latte e derivati contengono il potassio. I latticini perciò svolgono una triplice azione per favorire il benessere intestinale.

il benessere intestinale
i latticini preziosi per i fermenti credits pixabay

Utili per l’intera giornata

I cibi bianchi ci offrono la possibilità di coprire l’intera nostra giornata. Verdure e legumi, infatti, richiedono preparazione e cottura. Perciò, verosimilmente, dobbiamo avere un po’ di tempo ed utilizzarli a pranzo o cena in casa. Il latte va benissimo, invece, per una colazione veloce. Idem per lo yogurt ed il kefir, che si prestano anche per una merenda fuori casa. Possiamo portarceli anche in gita, in palestra o al lavoro. Così come la frutta. Ulteriore aspetto tutt’altro che indifferente: possiamo trovarli ovunque. In qualunque città, al mare, in montagna; nei supermercati o nei negozi di quartiere. Alimenti facili da trovare sono anche facili da utilizzare!

Conclusioni

È ormai assodato che intestino e cervello dialogano reciprocamente. Il benessere intestinale favorisce quindi una maggiore serenità psichica e migliori performances fisiche e cognitive. Evitiamo allora tutto quanto contrasta tale benessere. In primis, i cibi troppo zuccherati e ricchi di grassi. Gli alimenti processati ed iperprocessati, sin troppo diffusi, danneggiano l’intero organismo e sono nemici del nostro intestino. Vale, ovviamente, anche per bambini e ragazzi. Abituiamoli a preferire una merenda a base di yogurt e frutta anziché le famigerate merendine commerciali. Una educazione alimentare corretta è un investimento per il loro futuro.

 

 

 

Pubblicato da Laura Daveggia

LAURA DAVEGGIA- SALUTE E BENESSERE Nasce nel 1962 a Venezia, città in cui vive. Maturità classica, laurea in fisioterapia. Da più di trent’anni lavora come fisioterapista. Tutor di tirocinio e relatrice in vari corsi e convegni, ha pubblicato diversi articoli e due libri. Amante di musica classica e lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.