Body Positivity, i profili Instagram da seguire

Body Positivity, i profili Instagram da seguire

Parlare e conoscere la Body Positivity è molto importante ai giorni nostri per capire frasi come  “Accettati per come sei” o  “Amati” e non pensarle semplicemente come frasi buttate nelle descrizioni di foto sui social, ma pensarle più come stili di vita. Come un modo per vedere ogni proprio difetto come un qualcosa di speciale che ti contraddistingue.

Quante volte ti sarà capitato di guardarti allo specchio e cambiare umore improvvisamente solo perché ti vedi e non ti senti bell*. Quel grasso di troppo, i brufoli in faccia che non si riescono a coprire, la bilancia che segna un peso che tu non vorresti avere e allo stesso tempo quella voglia costante di cioccolata.

Basta guardarsi intorno per capire che ognuno ha delle insicurezze, ognuno di noi ha delle fragilità, semplicemente c’è chi le mostra e chi sa nasconderle bene.

 

 

Cos’è la Body Positivity e quando nasce?

Ecco perchè  è nato il movimento sociale Body Positivity, che rende protagonista ogni tipo di corpo in tutte le sue forme e in tutte le sue sfaccettature, particolarmente avanzato nel 2010 per merito di donne oversize, portando l’hashtag #BodyPositivity anche nei social media.

Il movimento nasce per far comprendere alla società che anche loro esistevano e potevano anche loro essere considerate, promuovendo la body diversity.

Pensate che già nel 1850, c’era il movimento Victorian Dress Reform, che si batteva contro l’utilizzo dei corsetti e rivendicava i pantaloni nell’abbigliamento femminile. Nel 1969 negli Stati Uniti nasce la National Association to Advance Fat Acceptance, per difendere le discriminazioni sul peso. Da sempre, insomma, si è cercato di battersi per una democratizzazione dei corpi in tutte le loro gradazioni di forma e colore.

Body positivity- the Web Coffee

#BodyPositivity

Spesso lo scorrere dei post su Instagram, con modelle non oltre la taglia 38, ha fatto sì che milioni di ragazze si sentissero insicure, non adatte, sbagliate… ma grazie a chi ha portato avanti la Body Positivity, adesso c’è spazio per tutti.

Il corpo è un importante mezzo di comunicazione, è espressione del self e quando stiamo male con il nostro corpo sicuramente comunicheremo agli altri e a noi stessi #badvibes.

Instagram finalmente oltre alle modelle con taglia 38 che sponsorizzano tisane dimagranti e diete small size, finalmente ha aperto le finestre anche su donne con smagliature, cellulite, moda curvy, acne positivity, corpi in forma, altri curati ma imperfetti.

Body positivity- the Web Coffee

 

Molte influencer si sono battute per la Body Positivity ve ne lascio qui alcuni da seguire

#1 Laura Brioschi- Love Curvy

Laura Brioschi è una modella curvy e imprenditrice digitale, anima della Body Positivity italiana.

Con le sue foto in bikini, in tutta la sua naturalezza è diventata un’icona della moda curvy italiana.

Rappresenta le donne che sono sempre state in lotta con loro stesse, che non si sono mai sentite all’altezza, in un’intervista ha detto << Sono fragile e ce l’ho fatta>>.  Laura è una ribelle e ce l’ha fatta:  SI AMA.

Body positivity- the Web Coffee

 

#2 Danae Mercer

Giornalista americana che si è battuta per una società senza filtri. Ha fatto esperienza in prima persona del mondo beauty e ne ha compreso l’irrealtà, la menzogna.

I suoi contenuti sono la testimonianza del suo svestire la bellezza dalla sua finta perfezione, mostrando senza veli la versione di un mondo reale e imperfetto, inserendo spesso post #InstagramVSreality.

Per l’attivista Danae Mercer, fregarsene degli stereotipi non significa abbandonare l’esercizio fisico anzi, fare attività fisica e seguire una corretta alimentazione, non come strumento di standardizzazione del corpo, è importante per la cura di sé stessi e per il benessere psico-fisico

Body positivity- the Web Coffee

 

#3 Belle di faccia

Il primo profilo Instagram in Italia a parlare di body positivity e fat acceptance è stato quello di Chiara Meloni e Mara Mibelli.

Belle di faccia è il prodotto di un’ondata femminista che ha come obiettivo lo sradicamento del concetto di Bellezza come unico centro di una società. Per comunicare utilizzano illustrazioni colorate e significative, contenenti ognuna un messaggio e spesso usano aggettivi come  grasso e grassa per toglierne la negatività e portare avanti la neutralità dei termini

Beauty- the Web Coffee

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.