• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Salute e Benessere
A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre

A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre

A favore delle donne il 25 novembre si celebra ogni anno la Giornata Internazionale contro la violenza di genere. Sappiamo molto bene, tuttavia, che promuovere iniziative di una sola giornata è insufficiente a migliorare la situazione. Campagne social, scarpette rosse e manifestazioni varie lasciano il tempo che trovano. Quest’anno, si è allora cercato di promuovere azioni più durature ed incisive.

A favore delle donne: ancora troppi silenzi

A favore delle donne esiste una vasta rete cui chiedere aiuto. Il numero 1522 è ormai abbastanza noto. Ma anche il supporto offerto dalla Polizia di Stato, dai Centri antiviolenza, da Comuni e Associazioni. Recentemente, anche da alcune farmacie. Eppure, i numeri della violenza sono spaventosi e continuano ad aumentare. Durante il lockdown, le chiamate al 1522 sono state il 75% in più rispetto allo stesso periodo del 2019. Negli ultimi tre anni, le donne che hanno avuto almeno un accesso in Pronto Soccorso per violenza sono più di 19.000. Ma il problema è che le stesse donne hanno effettuato anche altri accessi in Pronto Soccorso adducendo cause diverse dalla violenza. Molte donne hanno ancora paura di denunciare.

 

spesso-la-donna-si-sente-sola-320x213 A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre
Spesso la donna si sente sola – The Web Coffee

Le iniziative di ONDA

La violenza contro le donne ha molte forme. Quella sessuale o fisica è la più eclatante. Perciò, è in genere l’unica di cui parlano i media. Ma c’è tutta una serie di violenze più subdole: psicologiche, economiche, sociali. La Fondazione ONDA si impegna da decenni a favore della salute delle donne. Quest’anno, propone durante l’intera settimana dal 22 al 28 novembre una serie di colloqui, consulenze, visite gratuite negli Ospedali “bollino rosa”. In presenza, ma anche a distanza. Obiettivo: informare le donne, supportarle per rompere il silenzio. E offrire loro una serie di strumenti concreti e pratici per chiedere aiuto. Si tratta di un aiuto reale a favore delle donne, fornito immediatamente e nella massima discrezione.

Un cerchio che si allarga

Queste iniziative sono già di per sé fondamentali anche se le consideriamo “solo” a favore delle donne. Ma dobbiamo pensare che violare i diritti delle donne significa anche violare i diritti umani fondamentali. Inoltre, le donne vittime di violenza hanno spesso conseguenze psicologiche pesanti. Bassa autostima, sensi di colpa, difficoltà nei percorsi lavorativi e nell’accudimento dei figli. Bimbi e ragazzi che assistono a violenza nel nucleo familiare riportano disturbi emotivi e comportamentali. La violenza sulle donne è un cerchio che si espande a macchia d’olio. Diventa un problema sociale e di sanità pubblica.

A favore delle donne, perché tutte sono coinvolte

I dati ci dimostrano che la violenza di genere riguarda ogni fascia d’età. Gli accessi al Pronto Soccorso di donne tra i 18 ed i 44 anni sono il 57%. Il 24% riguarda donne tra 45 e 64 anni e più del 4% oltre i 65 anni. Le minorenni sono circa il 14% del totale. La situazione peggiora notevolmente tra le donne disabili. Queste donne sono vittime di discriminazioni multiple. Fanno fatica a raggiungere o contattare autonomamente i Servizi di aiuto. Se ci riescono, spesso fanno fatica ad esprimersi. E troppo spesso, purtroppo, non vengono credute.

A favore delle donne: anche lo sport

Tra le iniziative partite quest’anno a favore delle donne, c’è anche un’originale impresa ciclistica. Si chiama “Una corsa per un’amica”. Una ciclista amatoriale, Orietta Casolin, attraverserà in bicicletta buona parte dell’Italia, con il supporto di vari Comuni, Centri antiviolenza ed altri enti. La partenza è avvenuta il 14 novembre da Portogruaro. Quasi 900 km in dieci tappe. Toccando grandi città e Comuni ove sono avvenuti femminicidi, fino ad arrivare a Roma proprio il 25 novembre. Lo scopo: contattare e sensibilizzare il più donne possibile. Parlare loro, testimoniare l’importanza di chiedere aiuto. Tra l’altro, il ciclismo è proprio uno degli sport in cui le donne hanno faticato ad affermarsi.

 

trovare-unalternativa-320x242 A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre
Trovare un’alternativa è possibile – The Web Coffee

Qualche curiosità

Perché la giornata contro la violenza sulle donne si celebra il 25 novembre? L’ONU l’ha proclamata in ricordo di tre sorelle, attiviste dei diritti umani e partecipi di un gruppo clandestino. La loro organizzazione lottava negli anni ’60 contro la dittatura in Repubblica Dominicana. Il 25 novembre si stavano recando a far visita ai loro mariti incarcerati, ma furono picchiate e uccise da agenti governativi. I loro assassini le gettarono in un burrone e cercarono di far passare il tutto per un banale incidente. Le famose “scarpe rosse” sono invece nate dall’iniziativa di un’artista messicana all’inizio degli anni 2000. Il suo obiettivo è ricordare le centinaia di donne stuprate ed uccise nel suo Paese, tra cui sua sorella.

 

scarpette-rosse-1-320x213 A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre
Scarpette rosse – The Web Coffee

Conclusioni

Malgrado tali origini, è bene ricordare che le donne sono vittime di violenza ovunque, non solo nei Paesi che sembrano meno avanzati. Anche in Europa e nella nostra civilissima Italia c’è ancora tanto da fare a favore delle donne. E per testimoniarlo, quest’anno pure una nota catena di supermercati ha deciso di stampare il 1522 sugli scontrini della spesa per l’intero mese di novembre.

icon-stat A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre
Views All Time
96
icon-stat-today A favore delle donne: nuove iniziative dal 22 novembre
Views Today
1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.