• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Sport
Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ”santi, poeti e navigatori”

Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ”santi, poeti e navigatori”

L’Italia, paese di santi, poeti, navigatori e… regina degli Europei di calcio 2020.

Recitava così, una vecchia espressione ironica riportata sul Palazzo della Civiltà, a Roma, nel Quartiere dell’Euro. “Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori”. Alla quale, adesso potremmo aggiungere anche ”di calciatori”.

Europei di calcio – La storia si ripete

Diciamolo, sembra una leggenda diventata realtà o un dejà vu.

Era la magica notte dell’11 luglio 1982 quando, l’Italia di Enzo Bearzot alzò la coppa del mondo, tingendo il cielo spagnolo di azzurro. Da quel momento, a distanza di 39 anni esatti, la storia sembra ripetersi: un’altra nazionale azzurra, guidata questa volta da Roberto Mancini, ha regalato a tutti gli italiani, l’emozione di essersi classificata sulla vetta, sul trono, come una regina, d’Europa.

Alla data dell’11 luglio, o comunque intorno a questo giorno, ricorrono una serie di vittorie della nazionale di calcio d’Italia. La già citata vittoria del mondiale del 1982 a Madrid, il mondiale del 2006 di Marcello Lippi, vinto il 9 luglio a Berlino e infine, l’emozione che torna a ripetersi nella data dell’11 luglio 2021, sotto il grigio cielo di Londra.

paolo-rossi-pablito-2-320x215 Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ''santi, poeti e navigatori''
Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ”santi, poeti e navigatori” (fonte: Scomunicando) – The Web Coffee

Europei di calcio – Quando il lavoro di squadra fa davvero la differenza

In questa storia di successo, ciò che colpisce di più sono l’entusiasmo e il gioco di squadra dei nostri Azzurri.

Ritrovarsi a rincorrere un pallone durante una partita è facilissimo, anche puntare sulle caratteristiche di un determinato calciatore, sottolineandone le potenzialità. Ogni modo, questo non basta. E l’ha saputo benissimo sin dal primo istante Mancini, il quale è stato capace di creare qualcosa di strepitoso: un’orchestra che ha suonato all’unisono, con la propria forza e melodia, mettendo quelle qualità individuali al posto giusto e al momento giusto, affinandone la qualità del gioco e l’affiatamento degli undici protagonisti in campo.

Ventisei personalità che prima di questa vittoria nemmeno ci saremmo sognati di vedere. Sicuramente, altra carta vincente del commissario tecnico Mancini: scegliere e credere in calciatori giovanissimi capaci di miscelarsi ai veterani della Nazionale, come Giorgio Chiellini, Salvatore Sirigu e Leonardo Bonucci. Basti pensare a Federico Chiesa, Matteo Pessina, Gianluigi Donnarumma o Leonardo Spinazzola, grandissimi protagonisti di questo europeo.

Commuovono e risuonano ancora le parole del Mister, espresse la notte della vittoria, durante le varie interviste:

«Dentro quelle lacrime c’è l’emozione per aver fatto una cosa incredibile, c’è il lavoro di tre anni e di questi 50 giorni, di un gruppo per bene che ha creato qualcosa di indivisibile. Era una cosa impossibile da pensare. I ragazzi sono stati straordinari, non ho parole. Un titolo meritato, ci ho sempre creduto. Uomini veri che hanno sofferto e vinto, esprimendo un grande gioco».

852bdf14d12fa94af444ed4332a0ab38-k0sF-U32702022876571ySG-656x492@Corriere-Web-Sezioni-320x240 Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ''santi, poeti e navigatori''
Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ”santi, poeti e navigatori” (fonte: Corriere della sera) – The Web Coffee

Una vittoria inaspettata come atto di rinnovata speranza

Un abbraccio commosso di due amici di una vita. Vialli e Mancini. L’uomo prima del professionista.

Si potrebbe ”fotografare” così la felicità. Quella leggerezza di un sentimento puro e semplice, pozione contro l’alto muro di angosce, paure e polemiche che il Coronavirus e la situazione italiana hanno accentuato nel corso di questi due pesantissimi anni.

Dunque, perché non credere che uno sport, in questo caso il calcio, con il nostro trionfo, non possa aiutare e iniziare ad attuare quella ripresa che tanto stiamo aspettando?

Non resta che augurarci quindi, che il tricolore, alto, stagliato nell’azzurro del cielo, sia di buon auspicio. Per ripartire da qui, da questa vittoria e rialzarci come nazione.

Alla nostra Italiani!

icon-stat Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ''santi, poeti e navigatori''
Views All Time
126
icon-stat-today Italia regina degli Europei di calcio 2020. Oltre ''santi, poeti e navigatori''
Views Today
1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.