• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Salute e Benessere
Influencer e salute: 2 motivi di condanna

Influencer e salute: 2 motivi di condanna

 

Influencer e salute sono due cose che vanno difficilmente d’accordo. La salute è un valore fondamentale. Ma di fronte ad interessi commerciali enormi, la sua tutela va in secondo piano. Alcuni recenti episodi hanno evidenziato quanto possa essere pericoloso il rapporto tra influencer e salute. L’Antitrust, infatti, ha recentemente sanzionato alcuni noti influencer.

Influencer e salute: un rapporto amplificato

Influencer e salute: il problema esiste già da tempo. Ma, grazie al dilagare dei social, la risonanza degli influencer si è amplificata a dismisura. Queste figure vivono grazie a rapporti commerciali con diversi brand. I vari post hanno lo scopo di convincere i fan a conoscere ed acquistare i prodotti sponsorizzati. Dove sta il problema? Sta nel fatto che per legge la pubblicità deve essere riconoscibile come tale. Diversamente, è un reato. Questo è precisamente il motivo della recente condanna. E, purtroppo, il problema che riguarda influencer e salute tocca soprattutto i ragazzi più giovani.

La Generazione Z

In Italia esiste ancora un digital divide per cause socio-economiche. Lo smartphone è tuttavia presente in circa il 95% delle famiglie italiane. Rappresenta il dispositivo più usato per connettersi alla rete. La “Generazione Z” (1997-2010) è la prima nata e cresciuta quando le tecnologie erano già sviluppate. Ragazzi tanto competenti sul piano tecnologico, quanto immaturi su quello psicologico. Si sentono realizzati solo grazie al numero dei like. Fanno fatica a distinguere la vita online da quella reale. Trascorrono circa 3 ore al giorno sui social. Dichiaratamente, il 60% di loro passa il tempo sui social per cercare prodotti anziché per creare contenuti. Spesso, conoscono tali prodotti proprio tramite gli influencer.

generazione-z-320x213 Influencer e salute: 2 motivi di condanna
generazione z credits pixabay

Influencer e salute: una modalità di engagement

Si tratta quindi di una fascia di potenziali consumatori assai ricercata dai vari brand. I prodotti riguardanti la salute sono trattati al pari di altri. Gli influencer sono la miglior strategia per creare engagement. La mancanza di spirito critico spinge gli adolescenti a non accorgersi quando il nesso tra influencer e salute nasconde pericoli concreti. Sono poco smaliziati. Sono incapaci di distinguere se un post è realmente la foto di un momento di vita quotidiana del personaggio, oppure un messaggio commerciale. Quattro tipologie di post riguardanti influencer e salute sono state segnalate di recente. L’Antitrust ha emanato tre sanzioni.

pubblicita-occulta-320x236 Influencer e salute: 2 motivi di condanna
pubblicità occulta credits pixabay

Due gravi motivi di sanzione

I motivi delle condanne riguardano il fatto che i post in questione si configurano come pubblicità occulta. Infatti, sono privi di avvertenze tali da indicarne lo scopo pubblicitario e commerciale. Il legame negativo tra influencer e salute è tanto più grave in questo caso per due motivi. Primo, la pubblicità riguarda prodotti riconosciuti come nocivi alla salute. Secondo, questa tipologia di marketing è diretta proprio a fasce deboli del mercato, quali bambini e adolescenti. Si tratta invece della fascia di mercato verso cui dovrebbe esserci la massima trasparenza dell’influencer marketing.

I prodotti richiamati

I seguaci di “star” divenute tali grazie ai social fanno gola alle aziende, che tentano di fidelizzarli in ogni modo. La relazione tra influencer e salute aveva creato problemi già nel passato. Si sono verificati episodi diversi, ma altrettanto critici. Persone che avevano acquistato prodotti alimentari sulla base di indicazioni social. I prodotti sono poi stati richiamati dal mercato, in quanto dannosi alla salute. Cosa fare allora? Se ci accorgiamo in tempo, ovviamente, evitiamo di consumarli. E teniamoci aggiornati in merito. Sul sito del Ministero della Salute c’è un elenco aggiornato in tempo reale relativo ai richiami dei prodotti alimentari.

Conclusioni

Come evitare che i ragazzi diventino facile preda di queste situazioni? Certamente, non si tratta di proibire tout-court l’uso dei social. Spieghiamo loro i legami commerciali dei vip della rete. Apriamo loro gli occhi sui rischi della relazione tra influencer e salute. Analizziamo insieme a loro i vari post. Forse, contribuiremo a proteggerli anche da esperienze peggiori.

 

 

 

icon-stat Influencer e salute: 2 motivi di condanna
Views All Time
323
icon-stat-today Influencer e salute: 2 motivi di condanna
Views Today
1