• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Salute e Benessere
Covid-19 e incidenti stradali: quale rapporto?

Covid-19 e incidenti stradali: quale rapporto?

 

Covid-19 e incidenti stradali: c’è un rapporto, ed eventualmente quale? Sappiamo che gli incidenti stradali sono ancora una brutta piaga nel nostro Paese. Coinvolgono ogni anno migliaia di persone, con morti e feriti. Tra i molteplici aspetti sociali che il Covid-19 ha mutato, c’è anche quello relativo agli incidenti stradali. Nel numero, ovviamente. Ma l’aspetto più interessante sta nelle cause degli incidenti.

Covid-19 e incidenti stradali: i primi dati

Covid-19 e incidenti stradali: i primi elementi sono di carattere quantitativo. Lockdown e provvedimenti restrittivi hanno diminuito di quasi il 30% gli incidenti. Nei primi sei mesi del 2020 è diminuito di circa il 34% il numero delle vittime. Tutto sommato, si tratta di dati ovvi. Confinamento, smart- working, scuole e attività commerciali chiuse. Meno gente in giro, meno incidenti. La situazione è comune nei vari Paesi dell’Unione Europea. Ugualmente, si sono registrati meno morti nei fine settimana e minor coinvolgimento anche dei pedoni.

La seconda fase

Nei primi mesi del 2021 la mobilità è parzialmente ripresa, ed il rapporto tra Covid-19 e incidenti stradali è radicalmente cambiato. Si è rapidamente tornati ad una situazione simile alla precedente, con diversi incidenti anche nei fine settimana. Decine di morti in un solo weekend. E la situazione è simile in varie parti d’Italia. Come è possibile, con molte attività ancora chiuse ed il coprifuoco dalle 22 alle 5? Il 40% di morti si registra tra gli “utenti deboli” della strada: pedoni, ciclisti, motociclisti. Solo nei primi 4 mesi del 2021, con buona parte d’Italia ancora in rosso, ci sono stati già 74 pedoni morti per strada.

Covid-19 e incidenti stradali: alcune peculiarità

La velocità troppo elevata, l’uso di alcool e l’utilizzo del cellulare alla guida sono in buona parte le cause degli incidenti. Ma il legame tra Covid-19 e incidenti stradali evidenzia ulteriori dati. Primo, l’euforia per le prime riaperture. Il senso di una ritrovata libertà. Molti hanno la sensazione di potersi esimere dalle più elementari regole di attenzione e prudenza. Le decine di giovani morti nelle 7 ore di coprifuoco avevano tutti emergenze o motivi di lavoro?

covid-19-e-incidenti-stradali-privazione-di-sonno-320x194 Covid-19 e incidenti stradali: quale rapporto?
sonno alterato credits pixabay

Il sonno

Un secondo fattore è emerso nel rapporto tra Covid-19 e incidenti stradali: la mancanza di sonno. Si tratta di un elemento ancora più importante, e tuttavia sovente sottovalutato. Il sonno è fondamentale per l’organismo umano, sul piano fisico e cognitivo. La sua mancanza ha conseguenze devastanti. I riflessi rallentano, la percezione del pericolo diminuisce. Le manovre di guida diventano brusche, la comprensione corretta dei segnali stradali diminuisce. Si fa fatica a mantenere correttamente la corsia di marcia. Il comportamento del guidatore in carenza di sonno è simile a quello di chi ha un tasso alcoolico eccessivo.

Covid-19 e incidenti stradali: il sonno alterato

La pandemia ha pesantemente alterato le abitudini del sonno della popolazione. Oltre la metà degli Italiani ha modificato i propri ritmi di vita. Ci si sveglia e addormenta più presto o più tardi, la qualità del sonno è peggiorata. C’è una maggior sonnolenza diurna. Lo smart-working ha moltiplicato spesso le ore di lavoro. Si fa più fatica a conciliare i ritmi di lavoro con quelli familiari. Lavoro agile e DAD hanno aumentato a dismisura le già troppe ore trascorse connessi ai devices elettronici. Emerge chiaramente che una delle relazioni tra Covid-19 e incidenti stradali è legata proprio a tale situazione.

covid-19-e-incidenti-stradali-stanchezza-320x303 Covid-19 e incidenti stradali: quale rapporto?
stanchezza credits pixabay

Sonno e incidenti

Il 22% degli incidenti stradali gravi è causato da colpi di sonno. Questi raddoppiano altresì la mortalità. I rimedi fai da te spesso peggiorano la situazione. Abuso di caffè, fumo ed energy drink sono deleteri anziché utili. Via via che il tempo passa, si evidenzia sempre di più che le alterazioni del sonno causate dalla pandemia sono protagoniste dei peggiori infortuni.

Conclusioni

La ripresa ed il mantenimento di ritmi più salutari, ed il riconoscere precocemente i segni di stanchezza ci possono aiutare a rompere questo perverso legame tra Covid-19 e incidenti stradali. Ma questo, ovviamente, sta come sempre alla responsabilità individuale di ciascuno di noi.

 

 

 

 

 

icon-stat Covid-19 e incidenti stradali: quale rapporto?
Views All Time
318
icon-stat-today Covid-19 e incidenti stradali: quale rapporto?
Views Today
2