• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Salute e Benessere
Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti

Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti

 

Gli e-sport rappresentano contemporaneamente una novità enorme ed una delle mille sfaccettature di come molte realtà siano mutate a causa del Covid-19. Come dice il nome, si tratta di tornei virtuali. Da quando è iniziata la pandemia da Covid-19, siamo ormai abituati a tale modalità di svolgimento degli eventi. Ma questa volta c’è una grande novità.

Gli e-sport: l’ufficialità

Gli e-sport attuali si svolgono dal 13 maggio al 23 giugno 2021. Comprendono cinque discipline: canoa, ciclismo, vela, baseball ed automobilismo. La grande novità è costituita dal fatto che si tratta della prima volta in cui il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ha preso ufficialmente in considerazione gli sport virtuali. In una recente riunione, il CIO ha pubblicato l’Agenda 2020+5. Si tratta di un documento programmatico che guiderà il lavoro del CIO per i prossimi cinque anni. Raccoglie una serie di indicazioni con riferimenti circa gli e-sport.

Le indicazioni CIO

Il CIO nell’ Agenda 2020+5 prende in considerazione la crisi sanitaria, economica e sociale causata dal Covid-19 e delinea alcune tendenze della società futura. Tra queste, la digitalizzazione, come potenzialità di inclusione e promozione dei valori olimpici. Nell’elenco delle 15 raccomandazioni incluse nell’Agenda, uno dei punti auspica di “Aumentare il coinvolgimento delle persone attraverso il digitale” . Quello successivo di “Incoraggiare lo sviluppo di sport virtuali e coinvolgere ulteriormente le comunità videoludiche”.

gli-e-sport-sedentarieta-320x195 Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti
gli e sport realtà virtuale
credits pixabay

Gli e-sport e lo sport in presenza

L’attività sportiva “reale”, in palestra, piscina o all’aria aperta offre senza alcun dubbio innumerevoli vantaggi fisici e psicologici. Per adulti e bambini, garantisce enormi benefici, certamente superiori a quelli che possono offrire gli e-sport. La situazione sanitaria è in miglioramento. Tutti ci auguriamo che lo sport in presenza possa ripartire ovunque. Anche solo una bella corsa nel parco è infinitamente superiore a quelle tecnologiche. Tuttavia, gli e-sport si caratterizzano per due pregi specifici: vediamoli insieme.

gli-e-sport-aspetti-fisici-320x257 Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti
aspetti fisici credits pixabay

L’inclusività

Il primo vantaggio che offrono gli e-sport è la facilità di inclusione. Possiamo partecipare ai tornei virtuali anche se abbiamo problemi di mobilità, salute, disabilità. Nessuno ci vede, nessuno ci giudica. Possiamo sentirci competenti ed accettati ovunque e comunque. Inoltre, alcuni sport comportano costi economici decisamente elevati se praticati dal vivo. Perciò, sono inaccessibili a coloro che hanno scarse risorse economiche. Gli e-sport risolvono questo problema, permettendo a chiunque di gareggiare alla pari.

gli-e-sport-vela-320x180 Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti
vela credits pixabay

Le funzioni cognitive

Il secondo aspetto positivo che forniscono gli e-sport è il miglioramento delle abilità cognitive. Ci spingono ad affinare le nostre competenze tecnologiche, lo sfruttamento di dati ed evidenze, il problem solving. Ma altresì la capacità di concentrazione ed attenzione, la comunicazione e cooperazione a distanza. Si tratta di competenze trasversali, utili ad adulti e ragazzi sia nella vita professionale che nella vita quotidiana.

Gli e-sport: i difetti

Il primo problema che ci troviamo ad affrontare circa gli e-sport è il digital divide. Così come per la didattica a distanza, lo smart-working e qualsiasi altro utilizzo delle tecnologie digitali, anche in Italia esistono discrepanze importanti tra la popolazione. Tecnologie, possibilità di connessione, apparecchiature richiedono competenze e risorse economiche che non sono patrimonio di tutti. E questo rappresenta un fattore di esclusione fondamentale.

Gli aspetti fisici

Inoltre, gli e-sport non lavorano sul piano fisico. Il grosso rischio è che contribuiscano a rendere la popolazione ancora più sedentaria. Favoriscono obesità e alimentazione scorretta, che da tempo sono purtroppo assai frequenti. Siamo già fin troppo connessi. Questa modalità sportiva ci incentiva ad esserlo ancora di più, con tutti i relativi problemi. Siamo abituati a considerare lo sport come un vero e proprio antidoto a sedentarietà ed iperconnesione. Gli e-sport rischiano di essere invece l’esatto contrario.

Conclusioni

L’indicazione contenuta nell’Agenda del CIO ha avuto, ovviamente, ricadute in Italia a livello di CONI. E’ un fatto positivo. Rappresenta la presa d’atto ufficiale che le tecnologie digitali hanno una potenziale utilità anche nello sport. L’auspicio è che gli e-sport vengano intesi come preparazione, facilitazione ed avvicinamento agli sport in presenza. Speriamo che non siano mai considerati come una loro sostituzione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

icon-stat Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti
Views All Time
119
icon-stat-today Gli e-sport: 2 pregi e 2 difetti
Views Today
3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.