Salute e Benessere

Covid-19 e sanità digitale: ecco le novità

Covid-19 e sanità digitale

Covid-19 e sanità digitale: ci stiamo abituando all’idea di una assistenza sanitaria che sempre più passa dal mondo informatico. La pandemia ha cambiato molti aspetti della nostra vita quotidiana. Nella medicina, molte innovazioni digitali erano già in uso. Altre se ne sono sviluppate. Ma è l’assistenza in senso stretto ad evidenziare i maggiori cambiamenti.

Covid-19 e sanità digitale: quali cambiamenti

Le alterne vicende dell’epidemia tuttora costringono a diminuire negli ospedali le prestazioni sanitarie non urgenti. Anche visite e trattamenti ambulatoriali, nel pubblico e nel privato, hanno subìto ridimensionamenti. Oppure cambiamenti talora drastici a causa delle misure sanitarie di contenimento. Le persone con patologie croniche, tipo diabete o problemi cardiovascolari, sono le più penalizzate. Ma pure persone semplicemente alla ricerca di consigli ed informazioni hanno accesso limitato agli ambulatori medici. Anche consulti di tipo riabilitativo sono più difficili. In tema di Covid-19 e sanità digitale, praticamente tutte le categorie hanno dovuto adattarsi ad una nuova realtà.

 

Covid-19-e-sanita-digitale-informazioni-320x213 Covid-19 e sanità digitale: ecco le novità

La ricerca di informazioni

La salute è tra i valori più importanti per circa l’80% degli Italiani. Ma la ricerca di informazioni sul web porta spesso a fake news, oppure ad ottenere informazioni illusorie. Per rimanere vicino ai pazienti, e continuare ad offrire una presenza sia pur diversa da prima, molte professioni sanitarie hanno cercato di riorganizzarsi.  In vari casi, hanno creato la possibilità di contatto diretto online tramite professionista e paziente. Covid-19 e sanità digitale ci stanno abituando ad una nuova modalità di consultazione sanitaria.

Covid-19 e sanità digitale: alcune novità

Certo, le visite mediche in presenza non sono sempre sostituibili. Ma la visione di esami, il consiglio su farmaci e terapie, il controllo su esercizi e terapie riabilitative sono possibili anche a distanza. Così come i colloqui di supporto psicologico. In tema di Covid-19 e sanità digitale, si stanno delineando alcune tendenze interessanti. La prima è una maggior attenzione alla salute e richiesta di consulti medici anche da parte di popolazione più giovane: tra i 18 ed i 24 anni. Rispetto al tempo pre-pandemia, in questa categoria di età vi è un aumento di richieste che sfiora il 100%.

 

covid-19-e-sanita-digitale-interazioni-320x213 Covid-19 e sanità digitale: ecco le novità

Quali argomenti

Tra le figure mediche, una percentuale oscillante fra il 20% ed il 30% offre la possibilità di un teleconsulto. Psicologi e dietisti sono le figure attualmente più disponibili a questa modalità di teleconsulto. I problemi psicologici, come noto, sono aumentati a dismisura in tempo di pandemia. Isolamento, lockdown, timori per sé ed i propri cari, condivisione forzata degli spazi hanno accentuato situazioni già difficili o ne hanno create di nuove. La richiesta di consultazione psicologica è aumentata del 25%. Una recente indagine evidenzia che il 69% degli Italiani è incerto o pessimista circa il proprio futuro.

La parte burocratica

Ove sia possibile effettuare la visita da remoto, anche tutta la parte burocratica si svolge online. Valutazione esami, referti, prescrizioni, fatture e pagamenti. I canali utilizzati assicurano la privacy. E se le tendenze attuali saranno confermate, uno dei dispositivi maggiormente utilizzati anche per queste situazioni sarà lo smartphone, che già ora è il device maggiormente utilizzato per navigare in rete.

Conclusioni

La possibilità della visita da remoto facilita notevolmente le consultazioni ed il proseguimento di eventuali terapie in corso. Offre altresì la sicurezza di poter comunque contattare il proprio specialista. Già questo aiuta a contenere l’ansia. Dall’altro lato, tuttavia, aumenta il già presente digital divide. Persone anziane che hanno poca o nulla familiarità con i devices elettronici, famiglie che ne sono prive per problemi economici sono ulteriormente penalizzati. Così come persone con scarsa familiarità con la lingua italiana. Oppure con un basso livello culturale che rende già problematico interagire con il medico in presenza. Da remoto è ancora più complicato.

 

 

icon-stat Covid-19 e sanità digitale: ecco le novità
Views All Time
100
icon-stat-today Covid-19 e sanità digitale: ecco le novità
Views Today
4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.