Attualità

Quote rosa: una battaglia dal 1600 per la parità e i diritti delle donne

Quote rosa

Quote rosa: con la formazione del Governo Draghi, ritorna la polemica sulle “quote rosa”. Assurda o giustificata in base alle diverse opinioni, fa comunque parte degli argomenti soggetti a corsi e ricorsi storici. La prima donna ad aver agitato le acque in merito è Elena Lucrezia Piscopia Cornaro, nel 1600: è la prima donna laureata nel mondo!

Quote rosa: chi è Elena?

Quote rosa nel 1600? Nemmeno si sapeva cosa fossero. Elena Lucrezia nasce a Venezia nel 1646. Il padre è un nobile mecenate, erede di una delle migliori biblioteche veneziane. Elena, appoggiata e sostenuta dal padre, si appassiona allo studio sin da bambina. Con la guida dei precettori più in voga all’epoca, impara lingue, musica, filosofia. Ma anche dialettica, eloquenza e matematica. Suo padre ne favorisce il successo in ogni modo. Ma perché? Perché spera che apporti lustro alla famiglia, e che questo apra la via ad un matrimonio prestigioso.

 

pr5gk0ul7ge9pi9g Quote rosa: una battaglia dal 1600 per la parità e i diritti delle donne
Fonte: OggiTreviso

Le preferenze di Elena

Elena Piscopia Cornaro, per la cultura del tempo, diviene un fenomeno. La sua fama si diffonde in tutta Europa, ed entra a far parte di varie Accademie in tutta Europa. I maggiori sapienti si recano a discutere con lei, e ne restano impressionati. Elena, però, ha una forte vocazione religiosa. Rifiuta il matrimonio e si ritira tra i benedettini, dedicandosi a studio ed opere di carità.

Quote rosa: la scelta della laurea

La sua fede la spinge a chiedere di laurearsi in teologia. Qui nasce il vespaio. Proprio perché allora non esistevano le quote rosa, incontra una totale opposizione. Anche il Cardinale di Padova, presso la cui Università è iscritta, si oppone strenuamente. Per una donna non è possibile. Elena ripiega sulla laurea in filosofia, e si laurea nel 1678.

 

quote-rosa-ostacolo-320x214 Quote rosa: una battaglia dal 1600 per la parità e i diritti delle donne

Un grande risultato

Elena Lucrezia ottiene un duplice risultato. Primo, la laurea, sia pure in un corso diverso da ciò che desiderava. Secondo, malgrado l’assenza di quote rosa, le vengono consegnate le stesse insegne dei colleghi maschi. Ottiene infatti l’anello, simbolo delle nozze con la scienza; il libro, simbolo della dottrina; la corona d’alloro, simbolo del trionfo.

Quote rosa: un’apripista

Riconosciuta a livello internazionale come la prima donna laureata nel mondo, Elena muore nel 1684 e viene sepolta a Padova nella chiesa di Santa Giustina. Da sempre, rappresenta un simbolo di impegno per le quote rosa per due motivi. Primo, come pioniera del diritto delle donne all’istruzione accademica. Secondo, per avere in tale àmbito gli stessi diritti dei colleghi uomini. Ancora oggi, un ottimo esempio di chi combatte per ciò in cui crede: con la vita ed i fatti, non solo con le polemiche.

 

icon-stat Quote rosa: una battaglia dal 1600 per la parità e i diritti delle donne
Views All Time
151
icon-stat-today Quote rosa: una battaglia dal 1600 per la parità e i diritti delle donne
Views Today
1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.