Beauty

I sieri in capsule: quando green e funzionalità si incontrano

Sono diventate un must del 2020. Sono piccole, comode, green e funzionali.

Di cosa stiamo parlando?

Dei sieri in capsule, ovviamente. Ma partiamo dal principio.

 

7d558eb5d0dc68770b1b8d8fc43f45f5-320x213 I sieri in capsule: quando green e funzionalità si incontrano

In cosa consiste la formulazione dei sieri?

I sieri sono uno dei passaggi più funzionali della skincare.

Comprendono una serie di formulazioni dedicate a combinazioni o singoli agenti attivi funzionali per la cute.

Esempi di questi possono essere varie vitamine, lipidi e molecole attive a migliorare l’aspetto della pelle.

Specifici per pelli mature ed utili anche per pelli giovani, ne esistono di tutti i tipi.

In genere si presentano in packaging da 30ml con pipetta contagocce, funzionali e pratici.

Ma, di quanto prodotto avrà bisogno la nostra pelle affinchè si possano trarre tutti i benefici possibili da queste sostanze?

In genere questa quantità è pari ad una nocciolina, ma come metro di paragone è un po’ blando.

 

c5755625b59b4e0b0d488b2102641241-320x180 I sieri in capsule: quando green e funzionalità si incontrano

In questo ci aiutano le capsule in gelatina.

Nel 1990, l’azienda di Elizabeth Arden ha portato sul mercato questo nuovo prodotto super innovativo. Si trattava di una scatolina di plastica trasparente che conteneva piccole perline di colore dorato.

Queste perline dorate erano le capsule. Piu nello specifico, si trattava di sieri in capsule.

Il siero presentato dalla Arden comprendeva tre ceramidi, elementi lipidici naturalmente presenti all’interno della nostra pelle. Prodotto indicato per pelli mature, ma che ha affascinato moltissimo.

L’innovazione stava nell’aver pensato ai sieri in capsule non solo come pack monodose, ma anche per aver ideato delle capsule che fossero biodegradabili.

Queste in particolare sono fatte di una gelatina biodegradabile che ne permette la completa degradazione.

Un altro aspetto molto funzionale dei sieri in capsule è sicuramente il fatto che, essendo monodose, si ha la presenza della quantità esatta di prodotto fondamentale per una applicazione.

Il mondo del beauty si sta aprendo sempre di più verso la parte del green, e questi sieri in capsule sicuramente segnano un traguardo molto importante.

Ma è vantaggioso solo per l’ecosostenibilità?

In realtà no.

I sieri in capsule creano dei vantaggi assurdi anche a livello di formulazione.

Innanzitutto, nei sieri comuni molto spesso si ha la necessità di equilibrare la presenza di un attivo inserendo altre sostanze funzionali per equilibrarlo.

Un problema del genere lo ha la vitamina C, che tende a decadere.

Questo problema assolutamente non esiste per i sieri in capsule.

Si ha la possibilità di poter beneficiare al massimo dell’azione della vitamina che stiamo utilizzando.

Oltre a questo, grazie ai sieri in capsula, si evita che la formulazione possa essere contaminata o possa subire azione negativa da parte dell’aria.

I sieri in capsule.

I sieri in capsule sono sicuramente un must ed hanno tutti gli aspetti positivi dalla loro parte.

Ma si tratta di prodotti non propriamente economici. Motivo per il quale ancora poche aziende hanno portato questo genere di prodotto sul mercato.

Sicuramente si aggiungono alti costi per le materie prime in più, numerose spese per la ricerca, andando ad aumentare sempre più il prezzo finale del prodotto.

Ma, vedendo tutti i fattori positivi legati alla formulazione ed all’ecosostenibilità, sicuramente questi sieri in capsule saranno da provare.

icon-stat I sieri in capsule: quando green e funzionalità si incontrano
Views All Time
132
icon-stat-today I sieri in capsule: quando green e funzionalità si incontrano
Views Today
2