• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
musica
Chi era Ma Rainey, la madre del blues

Chi era Ma Rainey, la madre del blues

Gertrude Pridgett, meglio nota come Ma Rainey, è considerata dal mondo della musica “la madre del blues”.

Una donna forte e dall’innato talento che con il suo spirito di ribellione ha abbattuto le barriere inflitte alle donne degli anni ’30, diventando la prima cantante blues di professione.

00overlooked-marainey-1-videoSixteenByNineJumbo1600-320x180 Chi era Ma Rainey, la madre del blues
Chi era Ma Rainey – The Web Coffee

Chi era Ma Rainey: Biografia

Nata a Columbus, in Georgia nel 1886, a quattordici anni si unisce ad un gruppo teatrale itinerante di vaudeville, genere di commedia di prosa leggera di origine francese.

Nel 1902 si imbatte in una “musica dolorosa” che fecce breccia nel suo cuore: era il blues.

Da quel momento iniziò a far sua quella musica e nel giro di qualche anno divenne la performer blues più nota d’America.

Si sposa nel 1904 con William “Pa” Rainey, con il quale condivideva la professione e dal quale prese il cognome: da questo momento tutti la conosceranno come Ma Rainey.

I due vengono acclamati dal pubblico in varie tournée e lavorano per il Tolliver’s Circus & Musical Extravaganza fino alla fine del loro matrimonio nel 1916.

La fine del matrimonio permette a Ma Rainey di spiccare il volo: il dolore della sua voce arriva fino ai manager della Paramount che decidono di scritturarla per registrare un disco: sarà la prima cantante a ottenere un contratto discografico in un mondo, quello del blues, popolato da soli uomini.

Dal 1928 non incise più nessun disco, pur continuando ad esibirsi sino alla metà degli anni ’30, quando si ritira dalle scene e si dedica alla Chiesa Battista.

Ma Rainey muore nel 1939, aveva poco più di cinquant’anni.

 

Chi era Ma Rainey: una vita sopra le righe

Ma Rainey era una donna che veniva notata soprattutto per il suo aspetto e la sua presenza scenica.

Saliva sul palco con abiti fastosi, fantasiosi e pieni di lustrini. Ad ogni esibizione indossava una notevole quantità di monili e i denti d’oro scintillavano maestosi dal suo sorriso.

Ma Rainey è considerata, inoltre, la pioniera del movimento di affermazione lesbico.

La cantante, infatti, non ha mai fatto mistero della sua bisessualità che fece permeare nei suoi testi e nella sua musica come ad esempio in “Prove it on me”, brano in cui afferma liberamente “non mi piacciono gli uomini”.

Ma Rainey era libera e non si faceva dire da nessuno cosa doveva o non doveva fare. È rimasto alla storia il suo arresto a causa di un’orgia con le sue coriste. In questa occasione fu scarcerata grazie alle pressioni della leggendaria Bessie Smith, amica e forse amante di Ma Rainey.

GettyImages-74292312-1-320x182 Chi era Ma Rainey, la madre del blues
Chi era Ma Rainey – The Web Coffee

Chi era Ma Rainey: l’immenso talento

Il blues di Ma Rainey è il lamento disperato di un’anima tormentata.

Canta con l’anima e con le viscere, la voce è limpida ma forte e profonda. Il fraseggio e i testi sono di una raffinatezza unica e la sua teatralità ha reso memorabili le sue performance che grazie alle registrazioni della Columbia, della Black Swan e della Paramount, possiamo ascoltare ancora oggi e rimanerne stregati, proprio come il pubblico dei ruggenti anni ’20.

Ma Rainey canta delle esperienze e della vita di tutti i giorni: dai tradimenti, alle ingiustizie del lavoro fino alle sonore ubriacature prese con la sua band.

In qualità di prima donna professionista della musica, Ma Rainey dimostra tutta la sua forza: è lei a pagare la sua band, a pretendere i pagamenti in anticipo e a non mettere mai in secondo piano il suo talento facendosi valere con i produttori bianchi che volevano ammorbidire il suo stile.

Quella di Ma Rainey è quasi una missione: il blues è l’unico strumento che le comunità afroamericane hanno per scrivere la loro storia che altrimenti sarebbe stata totalmente dimenticata.

Il suo blues è denuncia, è ribellione, è cura dell’anima.

 

Chi era Ma Rainey: l’omaggio di Netflix

“La musica fa questo, riempie i vuoti.

Tu non canti per stare meglio, tu canti perché in questo modo comprendi la vita.

Il blues ti aiuta ad alzarti dal letto la mattina, ti alzi e sai di non essere solo. C’è qualcos’altro nel mondo, una cosa in più, aggiunta da quella canzone.”

 

Così una straordinaria Viola Davis, nei panni di Ma Rainey, ci introduce il succo dell’anima e della musica di questa straordinaria artista.

Ma Rainey’s Big Bottom è il nuovo film targato Netflix dedicato alla vita della cantante. È un adattamento dell’opera teatrale dell’omonimo spettacolo del 1984 di August Wilson.

AAAABTox5AsZXZkW_YdLkDgP3sdX7VIP4LKkd2Nw_OU9qLsbfs5PwfjFqIY8_eSc_YsesY5CPFFOPCQSAvnShvceRMZiBjOV-1-320x182 Chi era Ma Rainey, la madre del blues
Chi era Ma Rainey – The Web Coffee

Protagonisti indiscussi sono Viola Davis, alle prese con la figura di Ma Rainey, per la quale ha studiato ogni singola mossa ed espressione. L’attrice appare quasi irriconoscibile con un’interpretazione risoluta ma sensibile.

Chadwick Boseman, invece, interpreta Leeve, giovane trombettista che cerca di rubare la scena e la donna a Ma Rainey. Questa è l’ultima performance dell’attore, morto mesi fa per un cancro al colon, per cui ha addirittura imparato a suonare la tromba per risultare più credibile al pubblico ed immergersi completamente nel personaggio.

Per lui si parla addirittura di una probabile nomination postuma ai prossimi Premi Oscar, ed è anche già dato per favorito alla vittoria.

 

Ma Rainey, la ribelle della musica blues, è entrata nella Blues Foundation’s Hall of Fame nel 1983 e nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1990.

È una delle artisti più forti e risolute di tutta la storia della musica che ha abbattuto stereotipi e pregiudizi e che ha lasciato al mondo intero un esempio di tenacia e passione indimenticabile che vivrà per sempre nelle note della sua profonda e ruvida voce.

icon-stat Chi era Ma Rainey, la madre del blues
Views All Time
673
icon-stat-today Chi era Ma Rainey, la madre del blues
Views Today
2