• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Gossip
Meghan Markle e l’aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?

Meghan Markle e l’aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?

Meghan Markle e l’aborto: a fine novembre la duchessa ha spiazzato un po’ tutti, decidendo di aprire il suo cuore al mondo e confessando una delle esperienze più drammatiche e dolorose che una donna e una mamma possa ritrovarsi a vivere. Attraverso il New York Times, con un articolo molto accorato, scritto da lei, Meghan Markle ha condiviso il dolore del suo aborto spontaneo, avvenuto lo scorso luglio.

La duchessa del Sussex ha perso il suo secondo figlio ritrovandosi in un letto di ospedale a piangere insieme al marito Harry, che le teneva stretta la mano. La notizia è arrivata al pubblico diversi mesi dopo, nonostante fossero già circolate alcune voci e indiscrezioni, mai confermate né smentite, su una sua possibile gravidanza. Ma cosa ha spinto Meghan a condividere il suo dolore con il resto del mondo?

meghan-320x389 Meghan Markle e l'aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?
Meghan Markle e l’aborto–The Web Coffee

Meghan Markle e l’aborto: la condivisione del  dolore è per un motivo importante

La decisione della moglie del principe Harry non è legata allo scopo di farsi pubblicità, a far parlare di sé o al desiderio di suscitare sentimenti di pietà nei suoi confronti da parte del pubblico. Meghan Markle ha condiviso il dolore del suo aborto spontaneo per poter guarire, per alleviare la sua sofferenza e per sdoganare un argomento che per molte donne e molte persone è un vero e proprio tabù. Tutto parte dalla consapevolezza: esternare i propri sentimenti, le proprie emozioni e raccontare in modo sincero, autentico come ci si sente, a qualcuno interessato e disposto ad ascoltare, fa bene, fa stare meglio.

Parlare del proprio dolore è il primo passo per iniziare a guarire.” (Meghan Markle)

Nell’ articolo scritto e firmato da lei, la duchessa di Sussex parla dell’importanza di chiedere alle persone con cui ci si rapporta, come si sentano. Del bisogno di guardarsi negli occhi e aprirsi, soprattutto in un periodo difficile e complicato come quello che stiamo vivendo.

L’episodio in Sud Africa che ha cambiato la sua prospettiva

Racconta di un episodio successo durante un tour in Sud Africa, quando Archie era un neonato e lei, in pieno periodo post partum, con tutto ciò che questo comporta, cercava di farsi forza e apparire coraggiosa. Allora ci fu un giornalista che, guardandola negli occhi, le chiese come stava e lei rispose in modo onesto e sincero. Da allora molte madri si sentirono in diritto di poter rivelare, allo stesso modo, realmente come si sentivano e quali erano le loro sofferenze legate al post partum.

Così, nel suo letto di ospedale, mentre teneva la mano di Harry ed entrambi piangevano per il figlio perso, in preda al dispiacere, aveva ricordato quella domanda del giornalista. Aveva capito che il miglior modo per lenire una sofferenza è parlarne e condividerla con le altre persone.

Meghan Markle e l’aborto: il secondo motivo che l’ha spinta a parlarne

L’altro motivo che ha spinto Meghan Markle a condividere il dolore del suo aborto spontaneo è stato quello di voler far sentire la sua vicinanza a tutte quelle donne che hanno vissuto la stessa brutta esperienza. Molte di queste, purtroppo non ne parlano, non si aprono, tengono tutta la sofferenza per sé, facendosi anche tantissimi sensi di colpa. L’aborto spontaneo, infatti, è uno di quegli argomenti tabù che nessuno affronta e che pure affligge tantissime donne.

df7452164cc4d10b420b81c70d98a4d4-320x219 Meghan Markle e l'aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?
Meghan Markle e l’aborto–The Web Coffee

Meghan Markle ha condiviso il dolore del suo aborto spontaneo per dare coraggio alle altre donne

La decisione di Meghan di condividere la sua triste esperienza può essere di aiuto per molte altre donne che si sono ritrovate o si ritrovano a vivere lo stesso dramma. Un aborto spontaneo è un vero e proprio trauma da affrontare, elaborare e superare. Per questo, sapere che non si è sole, che non si è l’unica ad averlo subito, può dare forza e coraggio.

L’argomento è e resta un tabù perché è difficile da affrontare, proprio per il carico emotivo che comporta. Molte donne si colpevolizzano, si ritengono responsabili della perdita prematura del feto e tale evento lascia in loro ferite profonde, difficili da sanare.

A tutto questo si somma il fatto che la società non vuole sentirne parlare, non è pronta e non accetta il dolore di un evento simile. Ciò spinge la donna a reprimere i propri sentimenti, a lottare contro se stessa per quello che prova, a chiudersi e a sentirsi sempre più in colpa, entrando in un circolo vizioso dal quale è poi molto difficile uscire.

L’aborto spontaneo riguarda moltissime donne

Proprio perché non se ne parla, molte donne e molte coppie che si ritrovano a subire un aborto spontaneo, non sanno che tale evento è molto frequente.

I dati confermano che una gravidanza su cinque si interrompe spontaneamente e nella maggior parte dei casi nelle prime settimane dal suo inizio. È un evento del tutto naturale, che segue le sue leggi e che molto raramente è riconducibile a errori commessi dalla mamma.

crop Meghan Markle e l'aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?
Meghan Markle e l’aborto–The Web Coffee

Spesso la causa è da attribuire ad anomalie cromosomiche e a malformazioni, per cui è la natura stessa, che seguendo la legge della selezione naturale, mette fine a quelle gravidanze che non sono compatibili con la vita stessa. Ma tante donne continuano a ritenersi direttamente responsabili, dandosi la colpa per un aborto spontaneo del feto che molto probabilmente non era semplicemente destinato a risolversi con la nascita e quindi con la vita.

Per questi motivi parlarne è molto importante e soprattutto lo è se a farlo sono le persone conosciute e con le quali una donna potrebbe identificarsi.

Il dolore non svanisce, perché resterà per sempre quel vuoto dovuto a quella vita spezzata, a quel bambino mai nato ma sul quale si è fantasticato, per il quale si è fatto progetti e che si è amato da subito. Ma almeno sapere di poterne parlarne, potersi confrontare e riuscire a esternare i propri sentimenti, sull’esempio dato dalle altre, può essere di grande aiuto.

Meghan Markle, con il suo articolo e con la sua decisione di condividere il suo dolore ha esortato a chiedere alle donne come stanno, consapevole che la stessa domanda, lo stesso essere disposti a sentire la risposta e la verità è un passo verso la guarigione.

icon-stat Meghan Markle e l'aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?
Views All Time
330
icon-stat-today Meghan Markle e l'aborto: perché ha condiviso la sua esperienza?
Views Today
1