Nuovo dpcm: le misure in vigore dal 4 dicembre

E’ stato presentato dal Presidente del Consiglio Conte il nuovo dpcm, valido dal 4 dicembre. Ecco le nuove misure previste per l’intero periodo delle festività natalizie.

conferenza-conte-3-dicembre-320x180 Nuovo dpcm: le misure in vigore dal 4 dicembre
Conte annuncia in conferenza stampa le misure del nuovo dpcm

Con la nuova, consueta conferenza stampa del premier Conte, sono state annunciate le nuove misure che saranno valide in un periodo dell’anno così importante e delicato dal punto di vista economico e sociale.

Sarà sicuramente un Natale diverso dagli altri. Dimentichiamo i cenoni della vigilia, i grandi pranzi in famiglia, le “rimpatriate” tra amici e parenti lontani, le discoteche durante la notte di Capodanno.

I contagi stanno – non così velocemente – rallentando (per tutti gli aggiornamenti vedi qui). Non è tempo, comunque, di abbassare la guardia e trascorrere le vacanze natalizie come se niente fosse successo nell’ultimo anno.

“Dobbiamo scongiurare una terza ondata, che potrebbe arrivare già a gennaio” dice il premier in apertura di conferenza stampa.

Vediamo quindi, nel dettaglio, le misure previste dal nuovo dpcm annunciato il 3 dicembre e valido dal 4 dicembre fino al 15 gennaio.

Nuovo dpcm ma resta la divisione in tre zone

Resterà la divisione del territorio in tre zone: gialla, arancione, rossa (come previsto nello scorso dpcm) con i vari aggiornamenti in itinere, effettuati sulla base della valutazione degli ormai famosi e tanto contestati 21 parametri.

“E’ un sistema che si sta rivelando efficace”, dice il premier ricordando i risultati ottenuti in queste settimane di semi-lockdown per gran parte d’Italia. L’RT è attualmente a 0,91 e si registra un calo del numero degli accessi alle terapie intesive.

L’obiettivo è quello di rendere il Paese intero zona gialla il prima possibile. Si spera e si presume entro l’inizio delle festività natalizie.

Resta il coprifuoco

Il nuovo dpcm conferma la presenza del coprifuoco, in tutta Italia. Sarà vietato circolare in tutta Italia dalle ore 22 alle ore 5 eccetto che per motivi di salute, lavoro, necessità.

A Capodanno 2 ore in più: il coprifuoco durerà dalle ore 22 del 31 dicembre fino alle ore 7 del primo giorno del nuovo anno.

Nuove misure sugli spostamenti

Sono vietati gli spostamenti tra Regioni diverse e province autonome a partire dal 21/12/2020 fino al 06/01/2021.

Col nuovo dpcm, inoltre, è previsto lo stop agli spostamenti tra Comuni nei giorni: 25 – 26 dicembre, 01 gennaio, salvo per motivi di necessità quali salute e lavoro.

Resterà comunque garantita la possibilità di rientrare nella propria residenza, abitazione o presso il proprio domicilio. Non ci si potrà spostare nelle seconde case, se queste sono fuori Regione nel periodo in cui non sono consentiti gli spostamenti tra Regioni, e se queste sono fuori dal proprio Comune (nei giorni 25 e 26 dicembre, 01 gennaio).

Le nuove misure per ristoranti e bar

I ristoranti resteranno sempre aperti – nelle zone gialle – a pranzo. Si potrà sedere al tavolo in un numero non maggiore di quattro, ovviamente di soli conviventi.

Ristoranti aperti a pranzo quindi anche a Natale, Santo Stefano, Capodanno, Epifania.

Nelle zone arancioni e rosse invece bar e ristoranti resteranno aperti dalle 5 alle 22 ma solo per il servizio d’asporto. Nessuna limitazione per le consegne a domicilio.

Gli alberghi resteranno sempre aperti ma con un importante divieto. Il 31 dicembre non sarà infatti possibile cenare nei ristoranti presenti al loro interno. Sarà possibile usufruire solo del servizio in camera.

I negozi

Dal 4 dicembre fino al 6 gennaio si è deciso di prolungare l’apertura delle attività commerciali al dettaglio fino alle 21:00 per permettere a tutti di dedicarsi al solito shopping natalizio, cercando così di scongiurare la possibilità di assembramenti e code.

Per sostenere le attività commerciali si è deciso di far partire il piano Italia Cashback: fino al 31 dicembre chi paga con carte gratuite o app avrà un rimborso del 10% fino a 150 euro. Il piano sarà valido fino al 31 dicembre. Bisognerà scaricare l’app IO e identificarsi con la carta d’identità elettronica o tramite SPID.

Nessun allentamento invece per i centri commerciali, che resteranno chiusi fino al 15 gennaio nei giorni festivi e prefestivi, ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole.

Scuole e università

Dal nuovo anno si tornerà, con le giuste cautele, in aula.
Dal 07/01 anche le scuole secondarie di secondo grado potranno riprendere le lezioni in presenza al 75%.

Il nuovo dpcm decreta lo stop di crociere e impianti sciistici

Si dovrà rinunciare al Natale e/o al Capodanno in montagna. Gli impianti sciistici resteranno infatti chiusi dal 4 dicembre al 6 gennaio.

Sono sospese anche le crociere.

I rientri dall’estero

Gli italiani che tornano in Italia dal 21 dicembre al 6 gennaio dovranno sottoporsi alla quarantena. Allo stesso modo, i turisti stranieri che entreranno in Italia nello stesso periodo dovranno sottoporsi alla stessa misura preventiva.

Le raccomandazioni

E’ evidente che in un sistema liberaldemocratico non si possano introdurre dei limiti o degli obblighi. Si raccomanda comunque di non ricevere in casa persone non conviventi. Sarebbe un potenziale pericolo di contagio.

“Siamo consapevoli delle grandi difficoltà” afferma il premier, ma “occorre impegno e attenzione(…) dobbiamo attendere che il piano dei vaccini possa essere attivo”.

In conclusione: “Sarà un Natale diverso, ma non meno autentico”.

 

 

 

 

icon-stat Nuovo dpcm: le misure in vigore dal 4 dicembre
Views All Time
278
icon-stat-today Nuovo dpcm: le misure in vigore dal 4 dicembre
Views Today
2