1 Dicembre 2020

Il mistero della Mary Celeste, tra realtà e fantasia

Il mistero della Mary Celeste, ritrovata in mezzo al mare senza equipaggio e con mille domande. Vediamo insieme la storia di questa misteriosa nave.

Il mistero della Mary Celeste: il ritrovamento.

Durante il viaggio della nave Dei Gratia che passava tra le isole Azzorre e portoghesi, un Brigantino battente bandiera americana si fece ritrovare alla deriva, senza equipaggio e con tutto in ordine al suo interno.

Il capitano Morehouse, insieme a due marinai della sua ciurma, attestarono che i passeggeri erano scomparsi dopo un giro di ricognizione al suo interno. Dei sei marinai e della famiglia dell’ufficiale Brigss, non rimaneva più nessuna traccia.

Quel giorno, un maledettissimo 4 dicembre del 1872 nacque una leggenda: il mistero della Mary Celeste, il più controverso e agghiacciante della storia nautica.

Appena la nave giunse a Gibilterra trainata dalla Dei Gratia, il procuratore Frederick Flood, informato del accaduto aprì subito un’inchiesta sulla scomparsa dell’equipaggio.

Dapprima l’uomo sospettò che i marinai si fossero ubriacati con il carico che trasportavano, poiché una volta a Genova, si scoprì che nove barili di alcool denaturato erano vuoti.

Il mistero della Mary Celeste: che cosa può essere successo?

Il mistero della Mary Celeste-The Web Coffee
Il mistero della Mary Celeste-The Web Coffee

Questa ipotesi portò a due ipotesi, la prima fu l’ammutinamento e per la seconda, si ipotizzó un’onda anomala assieme alle  abilità compromesse dalla sobrietà del capitano. Tutti i tentativi di farla sembrare la causa della scomparsa finirono per essere smentiti, dal fatto che l’alcool presente a bordo non era del tipo da procurare sbornie.

Anche la teoria della tempesta, che fu confermata dal metro di acqua accumulato nella stiva, venne sfatata poiché un’onda non avrebbe potuto portarsi via tutti in un solo istante.

Ma ciò che la rendeva veramente impossibile, era l’ordine perfetto degli oggetti a bordo e la scomparsa fulminea, rivelatasi talmente tanto veloce da non riuscire nemmeno a finire il cibo nei piatti.

Il procuratore pensò allora che Briggs e Morehouse si fossero accordati per perpetrare una truffa ai danni delle assicurazioni. Anche quest’accusa venne presto smentita dal fatto che Briggs, era comproprietario del brigantino e che come risarcimento, avrebbe incassato una piccola cifra.

In ogni caso Flood arrivò ad incolpare Morehouse ed il suo equipaggio, di avere ucciso gli occupanti della Mary Celeste solo per incassare la ricompensa. Mancando una prova decisiva che portasse ad una soluzione, il caso venne chiuso e la nave riconsegnata al suo proprietario, ma il mistero della Mary Celeste continua nel tempo.

Nessuno nei successivi anni seppe qualcosa degli scomparsi, ma nel 1873 lungo la costa Atlantica della Spagna vennero segnalate due scialuppe di salvataggio.

Una deteneva al suo interno una bandiera americana, l’altra celava cinque corpi, che sfortunatamente non furono mai identificati. L’ultima speranza per i parenti dei defunti crollò miseramente, lasciandoli nell’agonia di non sapere cosa fosse successo ai loro cari. Dopo questo ritrovamento, nessuna teoria con un senso fu mai più formulata.

Che fine ha fatto il relitto della Mary Celeste?

Dopo essere stata recapitata al suo legittimo proprietario, la sorte della Mary Celeste fu di essere venduta in fretta e furia, anche se il suo venditore ci rimise economicamente.

Nei successivi anni cambiò ripetutamente proprietari, mentre i marinai che venivano ingaggiati per governare la sua rotta, si rifiutavano di salire a bordo per timore di scomparire nel nulla.

Il suo ultimo capitano, messo alle strette dai debiti tentò un naufragio, per incassare i soldi delle assicurazioni e liberarsi così di quella nave maledetta. Le cose non andarono come pianificate, infatti i colpevoli furono portati in tribunale, ma il giudice, consapevole della fama di quella imbarcazione scagionó gli accusati.

Il mistero della Mary Celeste: la maledizione colpì tutti

Il destino dei truffatori andò anche peggio: il capitano che tentò la frode morì tre mesi dopo, mentre uno dei soci che possedevano la nave si suicidò, mentre l’altro finì in manicomio. La nave rimase incagliata sulla scogliere della Rochelais, finendo per essere abbandonata e poi distrutta.

Nel 2001 una spedizione guidata dallo scrittore Clive Cussler, insieme al produttore cinematografico John Devis ha rinvenuto alcuni pezzi della nave.

Il mistero della Mary Celeste-The Web Coffee
Il mistero della Mary Celeste-The Web Coffee

Il mistero della Mary Celeste tra finzione e realtà.

Ognuno di noi ha le sue opinioni su un fatto negativo o positivo, soprattutto quando risultano eventuali testimoni o prove, che ci fanno scegliere la soluzione più comprensibile per la nostra coscienza.

Ma in questo caso, l’uomo è finito per cadere nell’utopia della fantasia, solo per poter portare una sua logica in un fatto di cronaca nera che non ne aveva. Riusciremmo mai a scoprire cosa accadde? No, ormai è passato troppo tempo, talmente tanto che ci hanno perfino ispirato dei libri sull’accaduto.

In assenza di una soluzione ragionevole, molti hanno voluto creare una loro verità, fatta di stranezze e personaggi esistenti solo nelle loro menti. Nessuno sa realmente cosa accade, ma anche se per voi sembra più che una semplice storiella di un passato dimenticato, non cambia il fatto che l’uomo ha di nuovo peccato di fantasia.

Le prove presenti hanno verificato che le ipotesi formulate dal procuratore erano errate, ma non per questo ognuno deve farsi una sua soluzione personale.

Views All Time
Views All Time
94
Views Today
Views Today
1