• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Lifestyle
Leggere fa bene al cervello, lo dice la scienza

Leggere fa bene al cervello, lo dice la scienza

Leggere fa bene al cervello, e se lo dice la scienza ci possiamo credere ciecamente. Un libro può essere tante cose: un fedele compagno di avventure, un alleato amico, un valido mezzo per combattere stress e ansie.

Quando leggiamo un libro viaggiamo con l’immaginazione, di nutrire la mente ed è per questo che leggere fa bene al cervello, perché lo aiuta a staccare dallo stress quotidiano.

Sono numerosi, infatti, gli studiosi che si sono occupati del binomio cervello/lettura negli ultimi anni, così come le ricerche sugli effetti positivi della lettura sull’attività cerebrale.

863418_M-320x200 Leggere fa bene al cervello, lo dice la scienza
Leggere fa bene al cervello-The Web Coffee

 

Leggere fa bene al cervello: perché?

Quando iniziamo a leggere il nostro cervello crea una sorta di fotografia mentale attivando processi mentali che coinvolgono memoria e creatività.

Leggere un libro quindi sarebbe paragonabile allo sfogliare un album ricco di particolarissime e super dettagliate fotografie. Quando leggiamo, inoltre, la nostra immaginazione parte e inizia a vagare.

Il modo reale che ci circonda e il mondo suggerito dal libro si sovrappongono: leggere diventa un atto d’immaginazione, di creazione tra il lettore e lo scrittore, che ci permette di dare vita ai personaggi, alla storia e di immergerci del tutto nel mondo che ci viene suggerito dalle parole.

Le diverse ricerche sul tema della lettura e dell’attivazione cerebrale hanno evidenziato un altro aspetto molto interessante, su quanto leggere fa bene al cervello: durante la lettura, si attivano gli stessi neuroni che vengono messi in moto quando pratichiamo attività come correre o camminare perché è come se noi stessi, nel momento in cui lo leggiamo, facessimo quel che vediamo fare ai personaggi immaginari della storia a cui ci stiamo dedicando al momento.

storytelling-4203628_1920-320x180 Leggere fa bene al cervello, lo dice la scienza
Leggere fa bene al cervello-The Web Coffee

Lo studio della Emory University su quanto leggere faccia bene al cervello

Un gruppo di scienziati della Emory University in Georgia, ha avviato uno studio sulla neuroplasticità nel 2013 per capire se leggere effettivamente modifichi in qualche modo il nostro cervello.

I partecipanti a questo studio durato ben diciannove giorni, hanno letto il romanzo Pompei di Robert Harris.

Lo studio prevedeva una lettura giornaliera di trenta pagine del romanzo prima di andare a dormire. Ogni mattina i partecipanti all’esperimento dovevano recarsi dai ricercatori per “scannerizzare” il loro cervello tramite risonanza magnetica.

I dati ottenuti a fine ricerca hanno dimostrato che vi era stato un aumento della connettività cerebrale nel lobo temporale sinistro di ogni partecipante.

I ricercatori notarono inoltre che i risultati ottenuti, a un mese dall’esperimento non erano scomparsi e quindi hanno potuto dedurre che i cambiamenti positivi indotti dalla lettura nel nostro cervello non sono momentanei ma duraturi.

I benefici a lungo termine

Leggere fa bene al cervello perché permette di accrescere la propria conoscenza del mondo e i propri orizzonti culturali, ed è anche il miglior modo per rilassarsi in quanto abbassa il battito cardiaco, riduce notevolmente lo stress e la tensione muscolare.

La lettura aiuta anche a diventare più propositivi verso il prossimo. Il “potere” che si acquisisce dedicandosi a un buon libro è infatti quello dell’empatia: leggendo si riesce a provare e sentire i sentimenti dei personaggi che stiamo seguendo nell’azione letteraria, è un’attività di relazione con i nostri simili.

Un altro effetto immediato riscontrabile nel nostro cervello concerne il lessico: leggere aumenta l’inventario di parole che possediamo facendocene scoprire di nuove.

Leggere in lingua straniera inoltre è utile per migliorare la conoscenza di una nuova lingua ma lo è anche per conoscere l’autore senza i filtri di una traduzione.

Gli effetti positivi della lettura non finiscono qui: grazie ai libri riusciamo a pensare e immaginare meglio. Tutto ciò è possibile grazie all’ordine che segue una storia quando viene raccontata e questo ci porta a seguire una trama in sequenza e quindi ad ordinare anche i nostri pensieri e migliorare i livelli di attenzione.

Un libro, dunque, può definitivamente essere un amico per la vita. È una piccola porticina verso infiniti viaggi che ci permettono di vivere nuove vite, avventure o disavventure. Leggere è un modo per scoprire se stessi, per passare qualche ora in pace, assaporare il silenzio e, perché no, vivere infinite meravigliose vite.

icon-stat Leggere fa bene al cervello, lo dice la scienza
Views All Time
245
icon-stat-today Leggere fa bene al cervello, lo dice la scienza
Views Today
1