30 Novembre 2020
Raffaele Morelli

Lo psichiatra Raffaele Morelli perde le staffe in diretta con Michela Murgia

Negli ultimi, assolati e afosi giorni estivi il nome dello psichiatra Raffaele Morelli è balzato da un social all’altro, da una testata giornalistica all’altra. Lo specialista, che è anche psicoterapeuta, filosofo e saggista ed esercitante la sua professione a Milano, è stato accusato di omofobia e sessismo in seguito ad alcune sue affermazioni pubbliche.

Tutto è cominciato durante una diretta a Radio Rtl 102.5 il 24 giugno, emittente dove lo psichiatra interviene ogni martedì mattina, nella quale ha fatto delle dichiarazioni che nelle ore successive hanno creato un polverone mediatico sui social media. Il giorno seguente, ospite a Radio Capital, l’accesa discussione con Michela Murgia, conduttrice del format Tg Zero dell’emittente. Ma vediamo meglio cos’è successo.

Le affermazioni di Raffaele Morelli a Radio Rtl 102.5

Raffaele Morelli
Raffaele Morelli

Poco tempo fa lo psichiatra Morelli è stato ospite, come ogni settimana, a Radio Rtl 102.5. Discutendo in merito alle parole della sceneggiatrice francese Françoise Sagan, ossia “un vestito non ha senso a meno che ispiri gli uomini a volertelo togliere di dosso“, il medico ha ribattuto che non vede niente di grave in questa frase, motivando il perché:

«Se una donna esce di casa e gli uomini non le mettono gli occhi addosso deve preoccuparsi, perché vuol dire che il suo femminile non è presente in primo piano. Puoi essere un avvocato, un magistrato, un conduttore radiofonico, ma il femminile in una donna è la base su cui siede tutto il processo. Il femminile è il luogo che trasmette il desiderio, se le donne non si sentono a loro agio con il proprio vestito tornano a casa a cambiarsi. Noi uomini siamo più unilaterali, la donna invece è la regina della forma, suscita il desiderio e guai se non fosse così.»

In poco tempo la sua asserzione è diventata virale, e Raffaele Morelli è stato attaccato su più fronti e additato come sessista.

La discussione con Michela Murgia a Radio Capital

Raffaele Morelli
Michela Murgia

Il 25 giugno, giorno successivo all’intervento a Rtl 102.5, Raffaele Morelli è stato ospite a Tg Zero, programma di Radio Capital condotto dalla scrittrice Michela Murgia. Dopo avergli lasciato lo spazio per presentare il suo ultimo libro Pronto soccorso per le emozioni, le parole da dirsi nei momenti difficili, è proprio Michela Murgia a dare inizio al dibattito, il cui video è finito online in seguito su YouTube.

La scrittrice, sostenitrice del no gender, chiede conto allo psichiatra delle affermazioni fatte a Rtl il giorno prima, in particolare riguardo la frase “se una donna esce di casa e gli uomini non le mettono gli occhi addosso deve preoccuparsi“. Morelli ribatte dicendo che suddetta frase era stata detta in un contesto più ampio, e la Murgia risponde leggendo a voce alta l’intera dichiarazione dello specialista, riportata nel paragrafo precedente.

Dopo la lettura, Raffaele Morelli riprende il filo conduttore della dichiarazione precedente, dicendo che il femminile è la radice. Alla richiesta di ulteriori spiegazioni da parte della conduttrice, Morelli prosegue:

«In una donna il femminile è alla radice, è presente alle basi dell’essere già agli albori. È un dato ontologico: le bambine giocano con le bambole fin dal principio.»

Michela Murgia quindi chiede: e i maschietti non giocano con le bambole? Perché non gliele diamo, altrimenti ci giocherebbero. Morelli controbatte affermando che no, i bambini maschi non giocherebbero con le bambole nemmeno se venissero date loro. «E con cosa giocano i bimbi maschi?», incalza ancora la Murgia.

Ed è in questo momento che i toni si inaspriscono. Lo psichiatra si infastidisce e chiede se è lì per fargli domande cretine o domande intelligenti, senza giri di parole. La conduttrice si infastidisce a sua volta per l’uso del tu anziché del lei, e Morelli risponde che se fa domande per fare polemiche e non può parlare se ne andrà. Quindi, Raffaele Morelli continua a parlare riguardo la femminilità, e la Murgia non trattiene l’ironia commentando «sempre la femminilità, chiaro».

A quel punto Morelli sbotta «zitta, sto parlando, altrimenti me ne vado». «Se ne vada, non sta facendo un comizio, io le faccio delle domande». E lo specialista, spazientito, riaggancia il telefono senza aggiungere altro.

Il commento sulle polemiche online e sullo scontro con Michela Murgia

La settimana successiva, al consueto appuntamento con Rtl 102.5, Raffaele Morelli ha commentato sia le forti polemiche scatenatesi sui social, sia la lite con Michela Murgia, nonché le accuse di omofobia e sessismo che gli sono state rivolte.

Riguardo le polemiche sul web, ha affermato che cavalcare l’onda dell’odio fa sì che la propria vita sia carica di odio sia verso sé stessi che verso il prossimo, e che bisogna informarsi bene sulle cose, per non muovere accuse infondate. Mentre per quanto riguarda l’acceso scambio con la Murgia ha ammesso di aver sbagliato ad aver accettato l’invito per l’intervista, senza prima informarsi su chi fosse l’intervistatore.

Cosa ne pensate dell’accaduto? Credete che le accuse a Raffaele Morelli siano veritiere o meno? La sua definizione di femminilità è corretta? Fateci sapere tutte le vostre impressioni in un commento!

Views All Time
Views All Time
411
Views Today
Views Today
1