Matteo Salvini: legge contro l’eterofobia?

Giulia

Qualche giorno fa il parlamentare del PD Alessandro Zan ha proposto una legge contro l’omotransfobia, per vedere tutti i cittadini sullo stesso piano e cercare di eliminare l’odio che, sfortunatamente, ancora calpesta le strade italiane. Tuttavia, il leader della Lega, non lo trova giusto e propone una legge contro l’eterofobia.

eterofobia-matteo-salvini
Fonte: pexels

E come dargli torto, in fin dei conti gli eterosessuali sono discriminati ogni giorno, è noto come non possano adottare, o addirittura tenersi per mano senza che un omosessuale gli giudichi schifato, o peggio quante volte vengono picchiati o uccisi in quanto eterosessuali.

Ancora una volta, Matteo Salvini ha pensato al popolo. Al popolo che deve avere il diritto di odiare, di giudicare, di ammazzare di botte una persona solo perché ama una persona del suo stesso sesso.

Ma vediamo più precisamente cosa ha detto il Capitano.

Matteo Salvini: «Allora presentiamo una legge contro l’eterofobia!»

eterofobia-matteo-salvini
Fonte: instagram Matteo Salvini

È questo ciò che il leader della Lega ha scelto di dire in conferenza stampa, esprimendosi sulla legge contro l’omotransfobia (legge su cui hanno lavorato diversi partiti tra cui anche Forza Italia), che ha le sue radici nella legge Mancino che condanna «chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico».

«L’Italia non discrimina, ci sono già tutte le sanzioni possibili e immaginabili, si rischia invece di sconfinare nell’ideologia, un rischio troppo elevato. Se viene colpito, picchiato, discriminato un omosessuale o un eterosessuale la via, per quanto mi riguarda, è la galera.»

Matteo Salvini

È più che normale che se una persona commette un reato, deve finire in galera. Quello che differenza i crimini d’odio omotransfobico è che sono dei crimini attuati per un determinato motivo: persone uccise o discriminate in quanto omosessuali, bisessuali, transessuali, lesbiche e tutti i generi in cui una persona si identifica.

È lo stesso discorso del femminicidio. “Perché si chiama femminicidio? È pur sempre un omicidio”, tuttavia è un omicidio avvenuto per mano di un uomo, marito, fidanzato, ex ragazzo, che uccide una donna, moglie, fidanzata, ex fidanzata, per gelosia, per rabbia, semplicemente perché è una bestia.

Tuttavia, non sono queste le parole che hanno fatto più scalpore del discorso del leader della Lega.

«Non c’è il pestaggio più grave rispetto a un altro, a questo punto presentiamo un bel disegno di legge contro l’eterofobia, perché non c’è differenza se vengo preso a schiaffi io o un altro. – e infine, aggiunge riguardo la legge – È un modo comodo per lavarsi la coscienza, ma è una norma pericolosa per tutti, omosessuali e eterosessuali.»

Matteo Salvini

La reazione sui social

eterofobia-matteo-salvini
Fonte: pexels

I social sono contrari a questa richiesta di legge (non tutti, c’è anche chi sostiene che sia una buona idea).

Prendetevi pure la legge contro l’eterofobia, ma prendetevi anche le botte, il bullismo, gli insulti, la paura di camminare mano nella mano col partner, le risatine, le discriminazioni sul lavoro, i diritti da cittadini di serie B e tutto il resto“, dice radio zek, facendo notare come, nel 2020, l’orientamento sessuale di una persona sia ancora oggetto di derisione e bullismo.

Idea condivisa anche dall’avvocata Cathy La Torre:

«Non esistono persone etero discriminate o uccise perché etero. Esistono persone LGBT discriminate e uccise perché tali.»

Quindi, mentre c’è chi ritiene che una legge come quella contro l’omotransfobia sia assurda poiché toglie libertà, libertà di lottare contro persone che peccano solo di amore e sostiene che una legge contro l’eterofobia sia necessaria perché anche gli eterosessuali vengono uccisi, c’è anche chi lotta ancora e ancora per i diritti umani di tutte le persone, per far sì che l’Italia diventi finalmente un posto dove tutti i cittadini sono al sicuro, non solo davanti alla legge ma anche nelle strade.

 

Voi da che parte siete? È necessaria una legge contro l’eterofobia o dobbiamo limitarci a quella contro l’omotransfobia?

 

Views All Time
Views All Time
228
Views Today
Views Today
1
Next Post

Vintage Friday: i tormentoni estivi degli anni Duemila

Facebook Twitter LinkedIn Non esiste estate senza relativo tormentone musicale: quella canzone che non ti scolli più di dosso fino ad autunno. Per il Vintage Friday, ricordiamo insieme i tormentoni estivi degli anni Duemila.   I tormentoni estivi li riconosci subito: sono quelle canzoni che senti quando accendi la radio, […]

Subscribe US Now