Le città preferite dagli scrittori

Silvana Uber

Oggi vi accompagniamo in un tour particolare, ricco di cultura, fuori dagli schemi e che va a toccare le città preferite dagli scrittori.

La fine di un libro, oltre a darci una sensazione di malinconia, ci lascia dentro molte curiosità. Spesso ci ritroviamo a “indagare” sulla biografia dello scrittore, a ricercare recensioni, a immaginare un finale diverso, cerchiamo di associare un volto ai protagonisti, e non per ultimo andiamo a curiosare su google immagini alla ricerca di qualche scatto delle città in cui si svolge la trama.

Se siete degli appassionati lettori, vi sarà senz’altro capitato di imbattervi in più libri ambientati nella medesima città.

Andiamo quindi a scoprire quali sono le città che gli scrittori amano come location in cui far “vivere” i propri protagonisti.

BERLINO

città amate dagli scrittori
città amate dagli scrittori

Vi sono davvero tantissimi libri ambientati a Berlino. A quanto pare questa città sembra essere una tra le preferite dagli scrittori e, grazie a loro, riusciremo con un pizzico di fantasia a fare un tour virtuale di questa metropoli.

Per citare 2 libri ambientati a Berlino:

Ognuno muore solo di Hans Fallada: basato su una storia vera, un romanzo sulla resistenza e sulla disperazione nella Germania sotto l’angoscia del nazismo e della guerra. La rielaborazione letteraria dell’inchiesta della Gestapo che portò alla decapitazione due coniugi berlinesi di mezz’età accusati di avere diffuso materiale anti-nazista. Scritto in soli 24 giorni nel lontano 1946, è stato riadattato ad una pellicola cinematografica e intitolato “Lettere da Berlino”.

Christiane F.- Noi i ragazzi dello zoo di Berlino: questo romando è un cult della letteratura moderna e si inoltra nei problemi della droga tra adolescenti, scavando nella psiche dei personaggi e portandovi direttamente nelle vie meno battute della città e in locali dove la prostituzione in cambio di una dose è all’ordine del giorno. Anche da questo libro è tratto un film.

GALWAY E DUBLINO (IRLANDA)

Irlanda
Irlanda

Questa terra, popolata da folletti, fate e gnomi, si rincorre in praterie verdeggianti, scogliere a picco sul mare e città dove la musica irish fa da padrona. Il cielo d’Irlanda, tuffandosi in un oceano blu e in paesaggi mozzafiato che sembrano uscire da un quadro ad olio, sono lo sfondo perfetto per libri fantasy e storie romantiche.

Non a caso tantissimi tra i libri più famosi sono stati ambientati in queste due città e sono particolarmente amati dagli scrittori.

Ps. I love you di Cecilia Ahern: giovanissima scrittrice irlandese che ha scelto la propria terra in cui ambientare una storia d’amore drammatica, che in seguito è divenuto un film. La trama si snoda tra le verdi praterie e i locali di Galway, vedendo come protagonista una giovanissima vedova di 29 anni che, per tornare a sorridere, continuerà a ricevere ogni mese per un intero anno delle lettere che il defunto marito le ha lasciato in “eredità”.

Persone normali di Sally Rooney: Connell e Marianne frequentano la stessa scuola in un piccolo centro dell’Irlanda rurale vicino Dublino. A parte questo, non hanno niente in comune. Lei appartiene a una famiglia agiata che non le fa mancare nulla tranne i fondamenti dell’amore e del rispetto. Lui è il figlio di una donna pratica e premurosa che per mantenerlo fa la domestica in casa d’altri (quella della madre di Marianne).

Lui è il bel centravanti della squadra di calcio della scuola e fra i compagni è molto amato, mentre Marianne, che nella pausa pranzo legge da sola Proust davanti agli armadietti, è quella strana ed evitata da tutti. Per anni Marianne e Connell si ruotano intorno, rischiando la vita e salvandosela, chiedendosi, promettendosi, negandosi, dimostrandosi che quella che li lega è una storia d’amore.

Diario d’Irlanda di Heinrich Böll: intorno alla metà degli anni cinquanta Heinrich Böll, premio Nobel per la letteratura nel 1972, insieme alla sua famiglia intraprese il suo primo viaggio in Irlanda e questo libro raccoglie la sua esperienza. Questo libro, oltre a toccare le città più ricche di storia dell’Irlanda, vi porterà a spasso nell’entroterra e sulla costa, immergendovi in descrizioni che vi lasceranno senza fiato.

Dal libro: “… è impossibile dire com’è il verde di questi alberi e di questi prati: essi gettano ombre verdi sulle acque dello Shannon e la loro luce verde sembra arrivare in cielo, dove le nuvole si sono raggruppate intorno al sole come chiazze di muschio.”

ROMA

Roma - città amate dagli scrittori
Roma – città amate dagli scrittori

La nostra capitale è una città gettonatissima dagli scrittori sia nazionali che stranieri. Città ricca di fascino, cultura e storia, si presta benissimo sia per thriller che storie d’amore.

E’ stata scelta da Daw Brown per il suo romando Angeli e demoni (qui il tour delle location utilizzate anche nel film).

Da Niccolò Ammaniti con Che la festa abbia inizio.

Ci sono poi numerosissimi classici ambientati nella città dell’amore eterno:

Non ti muovere di Margaret Mazzantini

La noia di Alberto Moravia

Il piacere di Gabriele D’Annunzio

Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini

Addio a Roma di Sandra Petrignani

VANCOUVER

Vancouver
Vancouver

Anche questa città è stata presa di mira, soprattutto dopo l’uscita di Twilight in cui alcune scene sono state girate in questa città, riprese dalla trama del libro.

Qualche anno dopo esce sul mercato 50 sfumature di grigio, ambientata tra Shattle e Vancouver. Per gli esterni degli uffici di Mr. Grey, è stato utilizzato un grattacielo di Vancouver chiamato Bentall 5 . L’indirizzo esatto è 550 Burrard Street in Downtown Vancouver.

La lista di città amate dagli scrittori ovviamente non finisce qui. Bisogna assolutamente citare Parigi, Firenze, Vennezia, Londra.

Restate in attesa del prossimo tour letterario.

 

 

Views All Time
Views All Time
91
Views Today
Views Today
1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

"Sindrome di Bridget Jones": come capire se ne sei affetta

Facebook Twitter LinkedIn “Sindrome di Bridget Jones”: di cosa si tratta? Viene ironicamente detta”sindrome di Bridget Jones” quella che, in gergo medico, si definisce “anuptafobia“: ovvero, la paura patologica di rimanere single a vita. Certo, paragonare l’ossessiva ricerca del principe azzurro con le vicende amorose della protagonista, che è riuscita […]
Bridget

Subscribe US Now