Lana del Rey è tornata: nuovo album e drama su Instagram

Martina Zennaro

Lana del Rey, al secolo Elizabeth Woolridge Grant, torna alla ribalta sia nel mondo del gossip che in quello della musica. La cantante newyorchese, diventata famosa in tutto il mondo per hit quali Summertime Sadness e Born to die, aveva pubblicato il suo ultimo album, Normal Fucking Rockwell!, nel 2019, quasi un anno fa, e di recente ha annunciato la pubblicazione del suo prossimo album e di due raccolte di poesie.

Tuttavia, proprio poco prima dell’annuncio, Lana del Rey si è lasciata andare a un lungo sfogo sul suo profilo Instagram, dove risponde alle accuse che le sono state rivolte in diverse occasioni di romanticizzare e glamourizzare gli abusi emotivi nei testi delle sue canzoni, senza risparmiarsi le menzioni a diverse sue colleghe. Ma vediamo nel dettaglio cos’è successo.

Lo sfogo di Lana del Rey su Instagram

A maggio, Lana del Rey si è lasciata andare a un lungo sfogo pubblicato sul suo profilo Instagram. «Ora che Doja Cat, Ariana, Camila, Cardi B, Kehlani e Nicki Minaj e Beyoncé hanno avuto i loro primi posti nelle classifiche con canzoni che parlano dell’essere sexy, non indossare vestiti, fare sesso, tradire, ecc, posso tornare a cantare del fatto di sentirmi bella e di essere innamorata anche se la relazione non è perfetta, o di ballare per soldi – o qualsiasi cosa io voglia – senza essere crocefissa o sentirmi dire che glamourizzo gli abusi?», esordisce l’artista statunitense senza troppi preamboli.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lana Del Rey (@lanadelrey) in data:

 

Nel messaggio affidato ai social la cantautrice specifica di non essere anti-femminista, e che pensa sia patetico essere stata accusata di aver portato le donne indietro di centinaia di anni per aver parlato, nei suoi testi, di relazioni passate in cui era succube del partner, passiva o emotivamente sottomessa.

In conclusione, afferma che nonostante le feroci recensioni della critica negli ultimi dieci anni, è contenta di aver «spianato la strada ad altre donne che non devono più mettere una maschera e fingere di essere felici per forza, e possono sentirsi libere di dire ciò che vogliono nelle proprie canzoni, quando io, nei primi album in cui cantavo di tristezza, sono stata accusata di essere un’isterica, come se fossimo ancora nel 1920».

Dal momento che Lana ha menzionato e tirato in ballo cantanti di colore quali Nicki Minaj e Beyoncé, mentre spiegava che anche nei testi di altre artiste ci sono tematiche simili a quelle che lei tratta e ha trattato in passato, è stata accusata di razzismo. In un secondo post su Instagram, la del Rey ha spiegato quindi che «quando ho menzionato donne che mi assomigliano, non intendevo dire bianche come me, ma quel tipo di donne a cui le altre persone potrebbero non credere perché “se l’è cercata“. Ci sono molte persone che la pensano così, e le donne che ho citato cantano le stesse cose che canto io da 13 anni».

Chemtrails Over the Country Club: il nuovo album in arrivo

Poco dopo le provocazioni lanciate su Instagram, la cantautrice ha annunciato il suo nuovo album, il settimo della sua carriera, la cui uscita è prevista per il 5 settembre di quest’anno, a un anno dalla pubblicazione di Normal Fucking Rockwell! ad agosto 2019. Il 25 maggio Lana del Rey ha postato un video su Instagram in cui, oltre alla data di rilascio dell’album, ne ha annunciato il titolo, ovvero Chemtrails Over the Country Club, smentendo l’ipotizzato “White Hot Forever“.

Lana del Rey
Lana del Rey Born to die Instagram album canzoni

Violet Bent Backwards Over the Grass sarà invece il suo primo album di spoken word, di cui ancora non si conosce la data di uscita, a cui sarà probabilmente abbinato uno dei libri di poesie in arrivo, con le musiche di Jack Antonoff.

Per quanto riguarda i suoi tour, a febbraio l’artista era stata costretta a cancellare il tour europeo per un problema con la voce. Inoltre, la tappa che era prevista per il 9 giugno all’Arena di Verona è stata cancellata a causa dell’emergenza coronavirus.

Cosa ne pensate dello sfogo su Instagram di Lana del Rey? Ritenete che abbia ragione? Siete in attesa del suo prossimo album? Fatecelo sapere in un commento!

Views All Time
Views All Time
184
Views Today
Views Today
4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Sarah Hijazi, muore a 30 anni l'attivista LGBT

Facebook Twitter LinkedIn In quello che dovrebbe essere il mese del Pride, e dunque dell’orgoglio LGBT, non arrivano belle notizie dal mondo. È di poche ore infatti, la notizia della morta di Sarah Hijazi.  Sarah Hijazi aveva solo 30 anni ma ha deciso di porre fine alla sua vita con […]
Sarah Hijazi attivista LGBT

Subscribe US Now