Lo shopping dopo il lockdown: la paura di tornare a vivere

Lo shopping dopo il lockdown: la paura di tornare a vivere

Voi avete provato a fare shopping dopo il lockdown?

Ho provato pena per me. Perché, durante il cambio di stagione, ho voluto buttare nei cassonetti gialli il 50% dei miei jeans. Perché stamattina, avevo la giornata libera e sono andata in un centro commerciale perché volevo approfittare degli sconti primaverili. Ho provato un senso di inadeguatezza entrando nel primo negozio che esponeva la scritta “sconti al 50%”. Le commesse mi hanno guardato con aria interrogativa come a chiedermi “non potevi aspettare per i tuoi dannati jeans?”.

Ed avrebbero anche ragione, se l’indomani non dovessi andare anche io a lavoro e avessi delle imposizioni aziendali. Eppure, la fase 2 ci ha restituito la possibilità di uscire quasi del tutto liberamente. Ma loro hanno ragione, hanno ragione tutti. Anche quando ti impappini con la saliva e parte il colpo di tosse inaspettato e ti rendi conto che tutti si sono voltati a guardarti con il terrore negli occhi. E hanno ragione a chiederti e fermarti ad ogni capo che tocchi per cercare la tua taglia, chiedendoti se lo proverai o no.

shopping dopo il lockdown
shopping dopo il lockdown

Entrare in un negozio, durante la fase 2, è sentirsi fuori posto anche quando sai che spenderai e che quel piccolo contributo economico, si aggiungerà a tanti tasselli che daranno nuovamente un input all’economia nostrana.

É il vedere le mensole e gli stand vuoti che fa paura. Il non trovare nulla che, probabilmente, ci porterà a tornare a casa e riempire i carrelli dei siti low cost, che mi spaventa. É la paura di tornare in quel negozio tra qualche giorno e vedere che magari ha abbassato le saracinesche per sempre.

É pensare che qualcuno possa non avercela fatta. Che altri possano aver accantonato il proprio sogno a tempi indeterminato. É il doversi reinventare e pensare che, ogni volta che si vorrà gustare un caffè, bisognerà fare il conto dei tavolini e capire dove sedersi per evitare assembramenti. Dover imparare a parlare guardando “di fronte verso destra” O “di fronte verso sinistra”, perché, forse, non ci si potrà più guardare negli occhi in pubblico, almeno, non se saremo a mangiare fuori in due.

Forse, non potremo farlo più, quando saranno troppe persone ad aver accusato il colpo e saremo tutti intenti a combattere una battaglia tra poveri per accaparrarci un posto di lavoro quanto meno dignitoso.
Il mondo è cambiato e non eravamo pronti a rispondere a tutto questo.
L’unica certezza è che solo unendoci potremo affrontare la grande sfida che ci si è posta avanti.

Shopping dopo il lockdown sì o no? Quali sono le sensazioni che avete provato entrando in un negozio? Pensate che questa quarantena ci abbia resi davvero un po’ più paranoici?

shopping dopo il lockdown
shopping dopo il lockdown

Pubblicato da Margherita Giacovelli

Redattrice, copywriter e pubblicitaria. Grazie alla sua esperienza in comunicazione, e una dote innata per la scrittura, è riuscita a conseguire risultati importanti sin dalla tenera età, collezionando premi e certificazioni. Ha iniziato a collaborare con importanti testate nazionali dal 2002, e nel 2007 ha aperto Shopping & We, uno dei primi pionieristici blog di moda. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze dell’Amministrazione nel 2013, è diventata Editor in Chief di The Web Coffee, webzine nato allo scopo di formare futuri content creators.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.