Salvini, dalle censure su Twitter all’occupazione del Parlamento per la libertà

Giulia

Conosciamo tutti Matteo Salvini, il leader della Lega che spesso e volentieri ha alimentato odio a suon fake news e incoerenza.

Durante la quarantena, i consensi per il suo partito sono scesi in picchiata, probabilmente perché tutti hanno altro a cui pensare piuttosto che stare dietro alle sue continue lamentele.

Ma il capitano, tra Mes firmato (e invece no), figlie di 7 anni che guardano e capiscono cosa un presidente del consiglio dice sul padre in diretta nazionale e social che bazzicano di incoerenza (come il suo “scendiamo in piazza”, ma è il decreto sicurezza Salvini a vietarlo), Matteo Salvini ha scelto di puntare prima sulla censura e poi sull’occupazione.

Ma andiamo passo per passo.

Prima di tutto, che fine ha fatto Matteo Salvini durante questa quarantena?

Il leader della Lega sta dando il meglio (o peggio, dipende dai punti di vista), in questo difficile periodo per l’Italia, in cui di tutto c’è bisogno tranne che di sciacallaggio.

Purtroppo il capitano, poiché siamo chiusi in casa, ha dovuto dire addio ai suoi comizi per l’Italia, ma sicuramente non ha smesso di far parlare di sé.

Durante il periodo di Pasqua, pretendeva che le chiese riaprissero, per permettere ai fedeli di poter tornare a pregare.

Peccato che persino il Papa, che non è un credente a caso, ma il capo della Chiesa, abbia chiesto agli italiani di rispettare il decreto.

Dopo aver quindi chiesto di riaprire le chiese (in uno stato laico, sottolineiamo anche questo), ha deciso di andare dalla sua amica Barbara D’Urso (da cui si era anche recato tempo fa invece di andare al parlamento europeo) a… pregare. In diretta. Sempre in uno stato laico, sempre meglio ripeterlo.

E come non dimenticare anche l’indignazione per il Mes, in cui sia lui che la sua collega Giorgia Meloni, donna, madre e cristiana, hanno accusato Giuseppe Conte di aver firmato il Mes, quando, invece, non era stato fatto.

Ma su questo si è difeso già abbastanza il presidente del Consiglio in diretta. E per questo è stato accusato di essere un dittatore, hanno detto che l’Italia è diventata un regime.

E lo ha detto lo stesso Salvini, oppositore, in una trasmissione in cui era ospite (forse non ci si ricorda che in una dittatura, gli oppositori vengono imprigionati o uccisi?).

Lo stesso Matteo Salvini che chiedeva i pieni poteri, che si congratulava con Orbàn che, quei pieni poteri, li aveva ottenuti.

E, adesso, passiamo al giorno d’oggi. Cosa sta facendo Matteo Salvini?

Matteo Salvini e la censura su Twitter

Matteo SalviniNel 2019 il team del leader della Lega aveva limitato a tutti su Facebook la possibilità di poter commentare i suoi post con alcuni termini, come “49”, “Armando Siri”, “Legnano”, “Tanzania”, “diamanti” e “Trota”, quindi era già una bella limitazione alla libertà del singolo di poter esprimere la propria opinione.

Nello stesso anno, ogni volta che andava in una città a fare dei comizi spuntavano sui balconi delle lenzuola contro di lui, o forse solo contro il razzismo, l’omofobia.

Come dimenticare quel “restiamo umani”, che è stato fatto rimuovere da piazza Duomo durante un comizio di Salvini perché… perché? Per caso ai leghisti non va bene restare umani?

Tuttavia, l’apice della censura è arrivato nel 2020, proprio nel periodo della quarantena.

Matteo Salvini e team non accettano più contestatori sulla pagina Twitter del capitano. Non devono esserci più persone che, gentilmente, gli dicono che non sono d’accordo.

Andare contro il leader della Lega è severamente vietato, pena il ban. Non importa che in questo modo si limiti la libertà del cittadino, sulla pagina Twitter @matteosalvinimi devono esserci solo persone che lodano le azioni del capitano.

Non vi ricorda qualcuno che non accettava oppositori?

Matteo Salvini che lotta per la libertà occupando il parlamento

Esatto, mentre censura la libertà dei cittadini che non sono d’accordo con il suo pensiero, in parlamento sta portando “la voce dei cittadini” (solo di quelli che vanno a favore suo), sta lottando per la libertà.

È un po’ strano vedere Salvini in Parlamento, considerando che il capitano conta il 90% di assenze in Parlamento, ma forse questa quarantena gli ha fatto venire voglia di lavorare, forse questa quarantena lo ha cambiato!

Siamo rimasti in Parlamento e andremo avanti senza disturbare nessuno o interrompere lavoro, a distanza con le mascherine perché gli italiani ci hanno detto ‘portate la nostra voce’. Dopo 50 giorni inizia a pesare la chiusura.

  • Matteo Salvini a Telelombardia

Insomma, Matteo Salvini sta occupando il parlamento perché gli italiani, in piena pandemia, vogliono uscire da casa.

Perché la libertà a quanto pare è più importante della salute, chissà come reagiranno quelli che hanno perso un parente, un amico, un conoscente, a causa di questo virus.

Oggi chiederò al presidente Conte, dopo 50 giorni di chiusura, burocrazia e multe, non è il caso di dare fiducia agli italiani ed eliminare l’autocertificazione? Gli italiani hanno la testa, smettila con l’autocertificazione, lasciamo che polizia e carabinieri tornino al loro sacrosanto lavoro di lotta al crimine e fidiamoci degli italiani.

Matteo Salvini a Telelombardia

Il problema è che è proprio perché all’inizio è stata data fiducia agli italiani, che l’Italia ha avuto così tante perdite di vite.

Insomma, quello che Matteo Salvini vuole, il motivo per cui sta occupando il parlamento e chiede che tutto il centrodestra si unisca in quest’iniziativa (da cui Giorgia Meloni si è distaccata) è che vuole tornare alla normalità.

A quanto pare non importa che il virus non sia stato ancora debellato, che non esista un vaccino e che, così facendo, si metteranno a rischio le vite degli italiani.

Cosa ne pensano i social di quest’iniziativa

Tutti i censurati, coloro che non possono leggere Salvini, hanno un’idea comune su questa occupazione, ed esprimono la loro opinione su Twitter.

Voi, invece, come la pensate? È giusto censurare chi ti va contro e lottare per la libertà, oppure dovremmo solo attendere che questo periodo difficile finisca, per poter tornare alla normalità in sicurezza?

Views All Time
Views All Time
443
Views Today
Views Today
1
Next Post

Vintage Friday: The Vampire Diaries, ricordiamo la serie

Facebook Twitter LinkedIn Tra i teen-drama più amati di sempre c’è sicuramente The Vampire Diaries: triangoli amorosi, dramma e vampiri. Per il Vintage Friday, ricordiamo questa serie.   Negli anni ’10 degli anni Duemila, il palinsesto delle serie tv impazzava di serie fantasy, con vampiri, licantropi e streghe. Ma uno […]

Subscribe US Now