Allenamento in casa, gli oggetti da usare al posto degli attrezzi

Allenamento in casa, gli oggetti da usare al posto degli attrezzi

Come allenarsi in casa con oggetti di uso domestico?

Con l’arrivo del coronavirus e la quarantena preventiva imposta dal governo, nell’ultimo periodo in moltissimi hanno deciso di intraprendere la strada del fitness e iniziare un allenamento in casa, complice anche la chiusura temporanea delle palestre. Che sia yoga, aerobica o pesi, su YouTube spopolano i workout casalinghi. Ci sono molti esercizi, però, che necessitano di attrezzi particolari che normalmente si trovano in palestra o nei negozi specializzati sportivi. Questo, tuttavia, non è un problema, poiché tanti degli oggetti che ci circondano tutto il giorno, a partire dai più semplici, possono essere utili alla causa. Quali sono? Dalle bottiglie d’acqua ai libri, basta veramente poco per trasformare casa propria in una palestra improvvisata.

Bottiglie d’acqua al posto dei pesi

In palestra solitamente si ha a disposizione una schiera di pesi, dai più piccoli che partono da pochi chili fino a quelli più pesanti. Sono ideali per un allenamento mirato a rinforzare i muscoli delle braccia. Come fare quando si vogliono fare gli stessi esercizi a casa propria? È molto semplice. Basta usare al loro posto delle bottiglie piene d’acqua o di sabbia, bottiglie di vino (anche se, in questo caso, è bene porre attenzione nel maneggiarle), oppure confezioni e lattine di cibo moderatamente pesanti. Aprite la dispensa e troverete la soluzione. Il che, forse, può risultare piuttosto inusuale.

Allenamento
allenamento casa pesi bottiglie acqua

Le scale al posto dello step

Lo step è ottimo per allenare la parte inferiore del corpo, soprattutto le gambe, e per migliorare l’equilibrio. Per un allenamento simile, è sufficiente usare delle scale: che siano quelle di casa vostra o le scale condominiali, basta salire e scendere per emulare lo step. Se abitate in un appartamento e preferite restare dentro la vostra abitazione, potete provare con uno sgabello non troppo alto, oppure, se avete a disposizione un giardino, affidatevi ad un muretto.

Un tappeto al posto del tappetino da fitness

Un altro problema che si pone quando si vuole fare allenamento in casa è quello del tappetino da fitness. Non tutti ne hanno già uno a disposizione, e alcuni esercizi possono risultare difficili da svolgere senza, dato che appoggiarsi direttamente al pavimento può risultare doloroso per le articolazioni (e poco igienico). Come alternativa è possibile usare un qualsiasi tappeto presente in casa, oppure un copriletto di cotone. Quest’ultimo è sconsigliabile se volete fare esercizi di natura aerobica in quanto tende a spostarsi e scivolare, perciò tenetela come opzione nel caso preferiate fare yoga.

Una scopa al posto del bastone da palestra

A volte in palestra capita di usare un bastone da tenere sulla schiena durante l’allenamento, per esercizi come gli squat. È utile per mantenere l’equilibrio e, soprattutto, per tenere la schiena ben dritta durante lo svolgimento di questi esercizi. Per fare la stessa cosa in casa, è sufficiente usare il manico di una scopa nello stesso modo. Effetto collaterale: potreste sentirvi come Li Shang in Mulan e mettervi improvvisamente a cantare “Farò di te un uomo“.

Uno zaino e dei libri per flessioni e squat

Restando in tema di flessioni e squat, per rendere più difficoltoso ma efficace l’allenamento c’è un modo molto semplice. Prendete uno zaino e dei libri, magari quelli dei vostri figli a casa da scuola. Riempite lo zaino con i libri più che potete, caricatevelo sulle spalle e tenetelo finché svolgete gli esercizi. Se avete un bambino piccolo, potete fare lo stesso tenendolo sulla schiena, ma in questo caso bisogna fare molta attenzione. I libri, inoltre, possono essere utilizzati come pesi, oppure come blocchi per gli esercizi di yoga.

Voi vi state allenando in casa? Avevate già adottato alcune di queste soluzioni? Ne conoscete altre? Fatecelo sapere in un commento!

Pubblicato da Martina Zennaro

25 anni, laureata in Scienze e Tecnologie della Comunicazione all'Università di Ferrara, aspirante giornalista e sognatrice incallita. Ho il pallino della criminologia, settore nel quale vorrei proseguire gli studi, e mi interesso di tecnologia. Oltre alla scrittura sono appassionata di lettura, grafica e fotografia. Divoratrice di pizza, sushi e videogiochi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.