L’Arte di Pino Deodato

“La conquista dello spazio che ciascun individuo ha, e deve avere, nell’universo”

Pino Deodato nasce nel 1950 a Nao (Vibo Valentia).
Fin da giovanissimo, mostrando un talento naturale, inizia a creare i primi dipinti e a lavorare la terracotta.

Asseconda  la sua passione  conseguendo il diploma di maturità artistica, dopo di che si trasferisce a Milano per frequentare l’Accademia di Belle Arti di Brera. 

Nel capoluogo lombardo entra in contatto con i maggiori esponenti d’arte milanese, ed è l’assistente dell’artista Giangiacomo Spadari per ben 5 anni.

Pino Deodato
Fonte: Alessio Musella

Per l’ Artista gli anni ’70  sono fondamentali dal punto di vista politico e dell’impegno sociale: le sue opere, infatti,  riflettono questo periodo storico attraverso una pittura critica, in cui l’espressione di una volontà di cambiamento arriva in primis attraverso la realizzazione  dei murales

Espone al “Salon de la Jeune Peinture” presso il Musèe D’Art Moderne di Parigi e al Musèe du Luxemburg, oltre che alla galleria Alvarez di Lisbona e di Oporto.

La sua ricerca si sviluppa con grande dinamismo sia attraverso la pittura che la scultura. Minuziosa è la ricerca del dettaglio che aiuta  lo spettatore ad intraprendere un sentiero  al confine tra sogno e realtà.

Fonte: Alessio Musella

Pino Deodato quando sceglie di rappresentare ambienti e paesaggi preferisce avvalersi della pittura mentre quando deve ritrarre figure umane predilige la resa che può offrire la scultura, perché attraverso i suoi volumi riesce a raccontare meglio le sfumature e gli “anfratti” dell’animo umano.

L’ Artista, attraverso le sue opere, cerca di “affrontare temi complessi in modo semplice, rendere accessibili a tutti argomenti difficili”

Decisamente contro tendenza, Pino Deodato, figlio del ’68, è convinto che l’arte sia una sovrastruttura e non cambi il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.