Simpson verso la fine ?

Simpson

Addio Springfield: dagli Stati Uniti negli ultimi giorni circola la notizia della fine della serie più amata da generazioni di ragazzi da quel lontano 1989 quando Matt Groening immaginò le prime storie su una famiglia immaginaria, i Simpson.

Immaginaria ma in grado di mostrare al mondo la vita quotidiana di una cittadina americana tra immigrati,  energia nucleare, istruzione pubblica, rapporti con il mondo della fede, informazione ed intrattenimento, sicurezza. Alti e bassi seppure nei limiti imposti dal mondo dei cartoon in fascia protetta.

E’ di questi giorni, infatti, la nota pubblicata dall’autore della colonna sonora, Danny Elfman, secondo cui le 31 stagioni del programma stanno giungendo ad un epilogo.

Fonte: Wired

Proprio lui, che era inizialmente scettico su quella serie animata (“la longevità del cartone animato è stata una delle più grandi sorprese della mia vita”) e pure sul fatto che la sua musica, creata come colonna sonora delle avventure di Homer, Marge, Bart, Lisa e la piccola Maggie.

La televisione è specchio dei tempi che corrono e cambiano: vari programmi, non solo cartoon o manga, che si voleva non finissero mai hanno esaurito il loro tempo ed hanno dovuto lasciar spazio a nuove tendenze.

Questo sembra averlo capito anche lo scapestrato Bart Simpson, l’avaro Signor Burns,  o il bonaccione Homer.

Certo è innegabile lo sconforto di numerosi fans dovuto alla notizia improvvisa ma è necessario che anche i Simpson lascino il mondo della celluloide per arricchire, forse qualche museo o archivio, come altre storie finite ma rimaste nel cuore di così tante persone.

Mentre Springfield tornerà ad indicare solo una città dell’Oregon che ha suscitato l’ispirazione a Matt Groening, oppure quella cittadina dell’Illinois dove visse (1844) un avvocato, un certo Abraham Lincoln (16 presidente degli Stati Uniti al quale si deve l’abolizione della schiavitù).

Mentre Bart si starà ciucciando l’ultimo calzino dall’altra parte dell’oceano vivono ancora leggende, serie vecchie ma che sono ancor attuali e che quindi sono prive di fine. Non solo nell’animazione per ragazzi ma anche nelle serie televisive.

Esempi made in England il Pompiere Sam, benchè su celluloide e plastilina, che mostra il coraggio del servizio pubblico, quello dei pompieri impiegati ogni giorno come nell’incendio al castello di Windsor (1992) o alluvioni (Windsor, 2014).

Simpson
Fonte: Cinematographe

Jack Mccoy ha chiuso il suo ultimo caso di Law and Order (dal 1990 al 2010) ma l’ispettore capo Barnaby è dal 1997 attivo per le strade di Midsomer (nella realtà è l’Hampshire, piena campagna inglese) e non ha ancora deciso di andarsene.

Con lui il Commissario Montalbano, il canale Giallo e Rai Storia, trasmettono cultura e passione nonostante i cambiamenti dei tempi che hanno visto la fine dei Simpson, ormai sorpassati dal mondo di gattini e sardine. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.