Black Horror Friday: Yūrei

Black Horror Friday:  Yūrei

Black Horror Friday: Yūrei , gli spiriti tormentati giapponesi

Benvenuti in questa puntata del Black Horror Friday! Oggi parleremo degli Yūrei , ovvero gli spiriti nella cultura giapponese.

I giapponesi mettono moltissima cura nel preparare i loro morti. Questa cura non è solo per rispetto verso il defunto, ma è un modo per assicurarsi che la sua anima (il reikon) si possa recare nell’aldilà per prendere posto fra gli antenati.

Se ciò non avviene, se la morte è stata violenta, oppure se ci sono parenti che trattengono lo spirito del morto tramite le proprie emozioni, il reikon può trasformarsi in yūrei.
Yūrei è un nome composto da yū “flebile”, “evanescente”, ma anche “oscuro”, e rei “anima” o “spirito”. Questi sono quindi i fantasmi in versione nipponica e possono infestare sia le persone che gli oggetti o i luoghi.
Questi spiriti appaiono in posti ben precisi: il luogo della loro uccisione, accanto i loro assassini o dove è stato abbandonato il loro corpo.

Come si scacciano gli yūrei ?

Per scacciare questi spiriti bisogna eseguire il rito funebre che non è stato fatto in precedenza, oppure bisogna sciogliere tutti i legami che hanno con i vivi.
In alcuni casi bisogna procedere con veri e propri esorcismi, i quali consistono nel soddisfare i desideri dello spirito.
In alcuni casi bisogna compiere la vendetta che l’anima sofferente persegue, ma non sempre è possibile.

Come evocarlo?

Per far manifestare un yūrei, in Giappone si usa un gioco (Hyakumonogatari Kaidankai): dopo aver raccontato a turno una storia kaidan (horror) e spento una luce a testa, se sono fortunati/sfortunati, dopo l’ultima luce spenta i partecipanti si ritroveranno in casa un bel yūrei.

Come riconoscerlo?

Lo spirito avrà questo aspetto: lunghissimi capelli neri, con addosso una veste bianca molto ampia. È un’entità fluttuante della quale non si vede la parte inferiore del corpo. Ha gli avambracci tesi in avanti e le mani prive di forza piegate ai polsi verso terra. Accompagnato, come nei manga, da un paio di fiammelle viranti tra il blu e il viola.

black
Fonte: Intrinsic editions

Le forme dello yūrei

  • Gaki: nati e diffusi nell’ambito della cultura buddista, sono spettri di viziosi morti nel loro vizio, per ciò sono condannati a desiderare di sfamarsi e dissetarsi invano con particolari oggetti, spesso sono disgustosi e avviliti.
  • Jikininki: una variante del precedente condannata a cibarsi di cadaveri.
  • Ikiryō: particolare forma di spirito che si manifesta quando la persona è ancora in vita per un forte desiderio di vendetta verso un nemico, oppure se è in coma può apparire vicino ai familiari.
  • Jibakurei: spirito di un suicida o di qualcuno morto con dei rimpianti.
  • Hyōirei: spettro che si insinua nel corpo di una persona vivente.
  • Ubume: spiriti di madri morte durante il parto, oppure senza sapere cosa sia accaduto ai figli.
  • Zashiki-warashi: fantasmi di bimbi, spesso molesti.

Speriamo che questa puntata del Black Horror Friday vi sia piaciuta!
Alla prossima settimana, che sarà l’ultima puntata!

Alice Marcotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.