Salute e Benessere

Sos gelato: quale scegliere tra artigianale e confezionato?

Il gelato è ormai diventato parte integrante dell’alimentazione di grandi e piccini. Utilizzato da molti come merenda per tutto l’arco dell’anno, esso è radicalmente entrato a far parte del nostro vivere quotidiano.

Per questo motivo, e sempre più spesso, ci chiediamo se il gelato possa far bene o male alla nostra salute. 

A tentare di risponderci in maniera scientifica è intervenuta una ricerca franco-spagnola -pubblicata sul British Medical Journal- dalla quale è emerso, che questo tipo di junk food, aumenterebbe il rischio di malattie cardiovascolari e quello di sviluppare diabete, obesità e tumori.

Per capire se, ogni volta che mangiate il gelato state facendo un vero e proprio “attentato” alla vostra vita o a quelli dei vostri figli, bisogna innanzitutto fare una distinzione importante tra la categoria degli artigianali e quella dei confezionati.

  • Il gelato confezionato viene prodotto utilizzando ingredienti a lunga conservazione. Per questa ed altre ragioni è molto importante saper leggere le etichette alimentari!
  • Il tipo artigianale, invece, si consuma sempre fresco: nelle migliori gelaterie si produce anche più volte al giorno, contiene pochissimi ingredienti e la qualità della materia prima è selezionata e controllata.
  • Rispetto a quello industriale, il gelato artigianale presenta:
    minor quantità di grassi e minor quantità d’aria.

Il gelato artigianale non è dunque dannoso per il nostro organismo: non dovete, dunque, privarvene

  • Questo perché ha una buona presenza di fattori vitaminici antiossidanti, un buon apporto di proteine del latte o delle uova ad alto valore biologico.
  • Grassi a catena corta di facile digeribilità.
  • Sali minerali in quantità, calcio, fosforo, componenti essenziali per il tessuto muscolare e vitamine A e B2. 
  • E’ facile da digerire ed è un alimento abbastanza equilibrato dal punto di vista nutrizionale. 

Il gelato è ottimo anche per chi pratica sport, perchè:

  • contiene un quantitativo parziale di acqua, per reintegrare le perdite dovute al sudore.
  • Il lattosio ed il saccarosio, inoltre, si rivelano importanti per il metabolismo dei nostri globuli rossi e per il nostro tessuto nervoso.

Se, invece, non potete fare a meno della tipologia dei confezionati, consumatene con moderazione, soprattutto se state affrontando un qualsiasi tipo di dieta alimentare (che non significa MAI digiuno).

Calorie dei gelati confezionati: qualche esempio pratico

Calippo (105 gr.) 92

Cornetto alla panna (75 gr.) 233

Cremino (44 gr.) 134

Fiordifragola (51 gr.) 62

Gelato al cioccolato 200

Al fior di latte 218

Con biscotto (80 gr.) 220-224

Tipologia con biscotto e gocce di cioccolato (80 gr.) 255

Ghiacciolo al limone (62 gr.) 53

Alla frutta (70 gr.) 80

Alla frutta e fiordilatte (80 gr.) 80

Magnum bianco (86 gr.) 256

Tipo classico (86 gr.) 257

Double Caramel (99 gr.) 348

Magnum Double Chocolat (99 gr.) 346

Magnum mandorle (86 gr.) 271

Solero Red Fruits (1 pezzo) 99

Sorbetto al limone 115-132

Stecco al cioccolato (88 gr.) 290

Viennetta al cappuccino 249

Viennetta alla vaniglia 252

 

Fonte: https://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/gelato-fa-bene.html

icon-stat Sos gelato: quale scegliere tra artigianale e confezionato?
Views All Time
267
icon-stat-today Sos gelato: quale scegliere tra artigianale e confezionato?
Views Today
2