Area 51: l’evento scherzo che ha fatto il giro del mondo

Giulia

Nato come uno scherzo per raccattare qualche likes, Jackson Barnes si è trovato a essere il leader di un evento che ha fatto il giro di tutto il mondo e che ha come soggetto l’invasione dell’Area 51.

Prima di passare subito a parlare dell’evento, bisogna far chiarezza su cos’è l’area 51.

Nata come “Nevada Test Site -51” e poi ribattezzata con il nome con cui la si conosce ora, l’Area 51 è una base sperimentale e militare che ricopre una zona militare operativa di 26 100 km², quindi circa lo spazio che occupa la Sicilia. E’ situata vicino al villaggio di Rachel, che si trova nei pressi di Las Vegas.

La particolarità di questa base, però, sta nei grandi livelli di segretezza e nel fatto che sia vagamente ammessa dal governo statunitense, per cui in molti hanno pensato a diverse teorie del complotto tra cui quella degli alieni.

Molto citata è la storia dell’ufo di Roswell, secondo cui si ritiene che, nel 1947, si sia schiantato un ufo con rispettivi cadaveri di extraterrestri. Tuttavia le notizie furono sempre smentite.

La creazione dell’evento sull’Area 51

L’evento è stato pubblicato su Facebook da Jackson Barnes, un ragazzo di Melbourne, per scherzo, come un modo per raccattare qualche like, ma che subito è diventato virale grazie alle condivisioni sui vari social, tra cui 4chan e 9gag, oltre che i soliti Instagram, Facebook e Twitter. Ha ottenuto più di un milione di adesioni e diversi commenti e meme basati sull’evento.

Ci incontreremo all’attrazione turistica del Centro Alieno Area 51 e coordineremo le nostre entrate. Se useremo la corsa di Naruto, ci muoveremo più velocemente dei loro proiettili.

Barnes

Per chi non se ne intendesse, Naruto è un manga e un anime giapponese che vede come protagonista un ninja, la cui corsa, insieme a quella dei compagni, si caratterizza dal mettere le mani e le braccia rette e dietro al busto. Ovviamente quello di Barnes è un commento ironico e divertente.

Ma non si limita a questo! Crea una vera e propria mappa e un “piano” per entrare nell’area, sottolineando però, rivolgendosi agli Stati Uniti, che “è uno scherzo” e non intende mettere in scena il piano. Specifica poi che non ci sono UFO nell’Area né niente di extraterrestre.

Per chi invece non potrà partecipare, sarà trasmessa una live in streaming da una società di intrattenimento di Las Vegas chiamata proprio “Area 51”.

(Foto pubblicata da Barnes sulla pagina dell’evento)

Tuttavia, questo successo è arrivato anche a chi di competenza, che ha iniziato a preoccuparsi per l’eventuale “invasione” di ragazzi o adulti che si potrebbero trovare davanti l’area il 20 Settembre 2019, giorno stabilito per la marcia.

Laura McAndrews, portavoce dell’aviazione militare statunitense, dice al Washington Post:

L’aeronautica è sempre pronta a proteggere l’ America e i suoi territori. Questo comprende anche la base aerea di Edwards, di cui l’ Area 51 è una zona ben sorvegliata in quanto campo di addestramento militare, cosa che dovrebbe scoraggiare chiunque pensi di avvicinarsi. 

Laura McAndrews

Questo ovviamente ha anche fatto preoccupare Barnes, che si giustifica dicendo di aver iniziato tutto come uno scherzo e non avrebbe mai immaginato di avere così tanto seguito. Soprattutto non si ritiene responsabile di chi, il 20 Settembre, deciderà davvero di andare nell’Area 51.

Il web è ormai invaso dai meme su quest’evento, le persone sono eccitate e probabilmente in molti si presenteranno davvero il 20 Settembre nel posto stabilito, nonostante quanto spiegato dalle forze dell’ordine del Nevada, secondo cui le ripercussioni non sono poco gravi.

Come spiegano su TMZ, infatti, chiunque si avvicini oltre al limite consentito sarà arrestato e perseguito nella misura massima consentita dalla legge locale e militare e anche la polizia sarà autorizzata a utilizzare gas lacrimogeno e spray al peperoncino.

 

 

Non ci resta che aspettare due mesi per vedere come la situazione si evolverà!

Views All Time
Views All Time
269
Views Today
Views Today
3
Next Post

EMDR: la nuova psicoterapia per superare eventi traumatici e patologie legate allo stress

Facebook Twitter LinkedIn L’EMDR (dall’inglese “eye movement desensitization and reprocessing”) è un metodo psicoterapeutico che si sviluppa attraverso un protocollo di intervento ben preciso basato su determinati movimenti da seguire con gli occhi. La terapia è nata appositamente per trattare il disturbo post-traumatico da stress, quindi per persone che hanno […]

Subscribe US Now