Meghan Markle: essere parte della famiglia reale non è tutto rose e fiori

Finalmente è tornata! Dopo 1 mese in cui l’abbiamo vista solo in impegni familiari, Meghan Markle ha partecipato alla première del Re Leone con il marito Harry.

La coppia è indubbiamente felice e innamorata, ma pare che per Meghan avere a che fare con il rigido protocollo di corte, i paparazzi ad ogni passo e le continue insinuazioni sul rapporto con la cognata, non sia facile.

Si aggiungono anche i familiari della donna, che non perdono occasione per fare un’intervista in cui la dipingono come una strega arrivista.

Sappiamo benissimo che Meghan è una donna forte, indipendente e convinta femminista, e trovarsi in una realtà in cui l’indipendenza di una donna viene messa da parte non è così semplice.

D’altro canto sapeva benissimo a cosa andava incontro, non era nulla di inaspettato, ma forse non aveva idea delle continue pressioni che avrebbe subito.

Meghan Markle
Facebook

Ogni mossa dei duchi del Sussex fa notizia, hanno un’esposizione mediatica fortissima pari a quella dei Clooney o della coppia Beyoncè-Jay Z (perfavore qualcuno gli dica che è arrivato il momento di tagliarsi i capelli, non si può più guardare!!).

Le continue gaffes di Meghan Markle non sarebbero dovute alla ribellione, ma alla difficoltà che la donna ha ad adattarsi alle rigide regole di corte.

E come darle torto? Prendiamo la regola per cui nessuna donna reale deve chiudersi da sola lo sportello della macchina. È un gesto meccanico che ogni persona fa fin da bambino, e trovarsi di punto in bianco a dover smettere e con i giornali che sottolineano la cosa, non è per nulla semplice.

Poi ovviamente c’è di peggio che essere una duchessa, e trovarsi a dover rispettare regole lontane dalle proprie abitudini, su questo non ci piove. Però vediamo anche il lato di chi si trova a dover cambiare la propria vita a partire dalle cose più banali: almeno un po’ di stress concediamoglielo. Ha appena partorito oltretutto, quindi diamole un abbraccio virtuale.

Male che va prenoterà una suite in qualche isola sperduta nel mondo per ricaricare le energie. O potrebbe seguire il modello Cersei Lannister, e distruggere i nemici con uno schiocco di dita: di sicuro dà più soddisfazione e allieva lo stress.

Views All Time
Views All Time
31
Views Today
Views Today
1
Next Post

20 luglio 1969: cinquant'anni dopo la conquista della Luna

Facebook Twitter LinkedIn Esattamente cinquant’anni fa, l’uomo metteva piede sulla Luna, un’impresa epica per l’umanità. Ricordiamo insieme quel 20 luglio del 1969. “Un piccolo passo per l’uomo e un grande passo per l’umanità” Questo disse Neil Armstrong quando riuscì ad arrivare sulla Luna, un evento mondiale, che interessò l’intera popolazione […]

Subscribe US Now