Spider-man Far From Home: Peter Parker e l’eredità di Tony Stark

Spider-man Far From Home: i tributi a Tony Stark/Iron Man e la figura dell’eroe.

***SONO PRESENTI POSSIBILI SPOILER!

Spider-man Far From Home, seguito di Spider-man: Homecoming, ha già sbancato al botteghino. La versione dell’uomo ragno interpretata da Tom Holland ha colpito molto il pubblico per molteplici fattori, tra cui tutti i riferimenti a chi ha deciso di rendere Peter Parker molto più che un “amichevole spider-man di quartiere”. Stiamo ovviamente parlando di Tony Stark/ Iron Man. (Robert Downey Jr)

Il primo incontro tra Peter e Tony avviene in Capitan America: Civil war. Accortosi del potenziale del ragazzo, il signor Stark decide di farne di lui un Avenger. Ma nonostante la brillante performance compiuta, per essere un eroe ci vuole molto di più, e Peter, con i suoi soli 16 anni, non è ancora pronto.

Successivamente infatti, nel corso di Spider-man: Homecoming vedremo che Tony correrà più volte in salvataggio del suo giovane amico. Alla fine, egli preferirà rimanere nell’anonimato. Non è pronto per essere “migliore di Tony Stark”.

Peter Parker/Spider-Man: Volevo… volevo essere come lei!
Tony Stark:
E io volevo che fossi migliore. Okay, non funziona: devi ridarmi il costume.[…..]

Peter Parker/Spider-Man: Signor Stark, non capisce, è tutto quello che ho! Sono niente senza il costume!
Tony Stark/Iron Man: Se sei niente senza il costume, non dovresti averlo.

-Spider-man: Homecoming-

Ma sicuramente è in Avengers: Infinity War ed in  Avengers: Endgame che si inizia a percepire la profondità del legame tra i due. Simbolico l’abbraccio che Tony dà a Peter dopo averlo visto scomparire a causa di Thanos.

Simbolico l’ultimo sguardo prima della morte di Iron Man. Il loro legame è così forte che risulta evidente per tutta la durata di Spider-man Far From Home. Il nome di Tony è ovunque, i dipinti di Iron Man sono dappertutto. Ma non solo.

Spider-man far from home inizia con un video “In memoriam” degli Avengers scomparsi.

Oltre Tony vediamo Cap e Natalie. Realizzato dai ragazzi che dirigono il telegiornale del liceo di Peter, è lanciato più che altro allo scopo di chiedersi “Chi sarà il prossimo eroe?” “Chi verrà dopo Iron Man?” domande che diventeranno il tema portante del film, sotteso alla trama principale.

Si prosegue con una donazione fatta dalle industrie Stark, di cui è capo Pepper. Vediamo un trionfante Happy portare con sè l’assegno. Sicuramente in molti avranno apprezzato la scelta di dargli una parte importante in questa pellicola. Era l’assistente di Tony e su suo ordine seguirà le vicende di Peter, donandogli anche un importante regalo.

Spider-man far from home: ed ecco il tributo più importante Peter riceve degli occhiali, all’apparenza come quelli indossati abitualmente da Tony ma integrati di una potente intelligenza artificiale, E.d.i.t.h.

spider-man far from home
spider-man far from home

L’acronimo sta per “Even dead I’m the hero”. Niente di più semplice per richiamare alla memoria quel “genio, miliardario, playboy, filantropo” che era Stark. Ma Peter per la sua ingenua bontà nel fidarsi degli altri, creerà non pochi danni, donando gli occhiali all’antagonista del film, Mysterio (Jake Gyllenhaal).

Misterio si proclama agli occhi di tutti come il nuovo eroe, come il nuovo Iron Man. Le illusioni da lui create, che daranno del filo da torcere a Spiderman (Come la visione della tomba di Stark e le parole “Se fossi stato bravo non sarebbe morto”) gli permetteranno di diventare quello che manca alla città di New York.

La popolazione reclama qualcuno che possa proteggerli dai pericoli. Ed anche se i murales dedicati ad Iron Man sono sparsi in ogni angolo, ricordandone la sua memoria, questo non è sufficiente.

Diventa evidente il messaggio che Spider-man Far From Home vuole trasmettere. La gente ha bisogno di supereroi.

Nell’immaginario collettivo, da sempre, la figura del superuomo ha dominato la cultura popolare. I bambini a carnevale si travestono da uomo ragno, da Hulk; gli adolescenti partecipano ai cosiddetti Comics, impugnando ora lo scudo di Cap, ora il martello di Thor. E gli adulti raccontano favole ai loro figli, infondendo in loro la speranza che ci possa essere qualcosa di più grande, qualcosa di migliore. E’ questo quello che vi è alla base.

“Tony non avrebbe fatto quello che ha fatto senza la certezza che tu avresti continuato dopo la sua morte”

Happy- Spider-man Far From Home

Ma diventare un eroe ha il suo prezzo, e Peter desidera soltanto poter baciare la sua ragazza piuttosto che sorreggere “il peso della corona”. Ma alla fine, un po’ perchè costretto, un po’ perchè in dovere di doverlo farlo non soltanto per lui, ma per Tony e tutti quelli che non ci sono più, diventerà anche lui un eroe. Senza prendere il posto di nessuno.

Perchè ognuno è singolarmente dotato di proprie capacità, dei suoi personali superpoteri. Questo aspetto, ovvero non essere il nuovo Iron Man ma essere sè stessi, non viene compreso da Mysterio, portandolo inevitabilmente alla morte.

Spider-man Far From Home
spider-man far from home

Peter invece, grazie alle parole di Happy, arriva a fare sua questa convinzione, forse nel momento più commovente di Spider-man far from home durante il tributo a Tony più importante.

Happy e Peter sono nel jet privato. Non basta iniziare a versare lacrime al primo “Mi manca” rivolto a Tony. Si prosegue con una scena che ci riporta indietro nel tempo ai tempi del primo film dedicato al Signor Stark. “Tu scegli il costume, io penso alla musica” dice Happy. E partono le note di “Back in black” degli AC/DC, la stessa canzone che fa da sfondo alle prime scene di Iron Man.

Peccato solo che Peter crede che a cantare siano i Led Zeppelin! Il che, smorza l’atmosfera di tristezza creatasi, ripresa da quello sguardo che Happy rivolge al ragazzo, guardandolo come un padre nei confronti di suo figlio, come se fosse orgoglioso di chi fosse diventato, ricordandogli quello che era stato Tony.

Sicuramente se il film che chiude la fase 3 della produzione Marvel ha in sè tante potenzialità per candidarsi come uno dei migliori della casa cinematografica. E considerate le scene dei post-credit, ci sarà ancora tempo prima che le avventure di Peter Parker finiscano.

Nel frattempo la Marvel ha iniziato il suo tour “We Love 3000” riprendendo quel numero che tanto ci ha fatto commuovere, che richiama “la quantità” dell’amore provato da Morgan per suo padre Tony Stark.

 

 

 

Views All Time
Views All Time
392
Views Today
Views Today
2
Next Post

Black Horror Friday: Ilse Koch

Facebook Twitter LinkedIn Black Horror Friday: Ilse Koch, la Strega di Buchenwald. Benvenuti alla quinta puntata del Black Horror Friday!Oggi parleremo di Ilse Koch, detta anche la Strega di Buchenwald, donna sadica e senza alcuno scrupolo che è vissuta durante la Seconda Guerra Mondiale. Biografia Ilse Koch nasce a Dresda […]
Black horror friday

Subscribe US Now