IL PENTAGONO INDAGA ANCORA SUGLI UFO

Stop alle dichiarazioni ambigue e al Top Secret

Fino ad oggi il Pentagono aveva dichiarato pubblicamente di aver concluso nel 2012 le ricerche sugli oggetti volanti non identificati.

Ma il portavoce del dipartimento della difesa, Christopher Sherwood, ha riconosciuto in un’esclusiva che il progetto AATIP – un’iniziativa segreta governativa denominata Advanced Aerospace Threat Identification Program- è ancora in atto e che il dipartimento sta ancora indagando.

Le precedenti dichiarazioni ufficiali erano ambigue e lasciavano aperta la possibilità che l’Aatip si occupasse semplicemente delle minacce aeronautiche di nuova generazione riguardanti aerei, missili e droni.

Christopher Sherwood smentisce e afferma che stanno a tutt’oggi conducendo ricerche e indagini su fenomeni aerei non identificati

Correggendosi poi con un’esemplare “arrampicata sugli specchi”, precisando che:

“La Difesa è sempre preoccupata di identificare tutti gli aeromobili nel nostro ambito operativo, nonché di identificare qualsiasi funzionalità straniera che possa rappresentare una minaccia per la patria. E continuerà ad indagare attraverso le normali procedure le segnalazioni di aeromobili non identificati rilevati dall’aviazione militare americana al fine di garantire la difesa della patria e la protezione contro il fattore sorpresa da parte dei nostri avversari”.

Per Nick Pope, che ha svolto indagini segrete sugli Ufo per il governo britannico negli anni Novanta, i commenti del Pentagono sono invece una “rivelazione bomba”.

Lo dimostrano inoltre due aspetti abbastanza esplicativi a cui il Pentagono non ha saputo dare una spiegazione plausibile:

L’esistenza del programma – noto solo ad una ristretta cerchia di persone – è stata ammessa dal Pentagono solo alla fine del 2017

Se il loro scopo era davvero quello di indagare su aerei nemici per scongiurare possibili attecchi, come mai tanto mistero?

L’Aatip è stato avviato nel 2007 e inizialmente finanziato con 22 milioni di dollari annui

Un pò troppi soldi per giustificare una “semplice” indagine su aerei potenzialmente pericolosi.

Chissà che prima o poi non troveranno altre scuse campate in aria per nascondere al mondo intero che stanno effettivamente indagando sugli UFO da più di 50 anni.