Interviste

Maturità 2019: ecco cosa ne pensano gli studenti che hanno svolto la prima prova

Maturità 2019 opinioni

Maturità 2019: ormai la prima prova è stata svolta dagli studenti di tutta Italia, dalle 8.30 alle 14.30, per cui chiunque ha potuto esprimere la propria opinione riguardo le tracce scelte dal ministro.

Oltre alle opinioni degli studenti, non mancano quelle di chi, la maturità l’ha già data. “Che fortuna ad aver avuto Ungaretti”, e infatti sotto questo punto di vista, la classe 2000 è stata fortunata a trovarsi di fronte un autore inserito nel programma di studi del quinto anno.

C’è chi, di fronte all’analisi del testo di quest’anno, ricorda il mitico Giorgio Caproni, presente nella prova della maturità del 2017, non conosciuto addirittura anche da alcuni insegnanti.

Tuttavia, anche i più grandi si rendono conto della maggiore complessità delle altre tracce presenti nella prima prova scritta della maturità 2019, ma le opinioni sono molto divise. Alcuni le hanno ritenute molto interessanti, mentre altri le ritengono molto più difficili rispetto a quelle degli scorsi anni.

Ma vediamo cosa ne pensano i diretti interessati!

Maturità 2019: gli studenti rispondono

Dopo una stancante giornata all’insegna di ansia e tracce complesse, gli studenti che hanno iniziato ad affrontare la Maturità 2019 hanno preso 10 minuti di pausa per rispondere alle domande che la redazione di The Web Coffee gli ha posto. Sentiamo cosa hanno da dire.

Com’è stato questo primo approccio con gli esami di maturità?

Tommaso, liceo scientifico sperimentale, risponde “E’ stato esattamente quello che mi aspettavo da ciò che i miei amici già diplomati e i miei professori mi hanno detto, nulla di che.”

Mentre Alessia, liceo linguistico, afferma che pensava di “trovarmi più in ansia, ma i professori ci hanno messo a nostro agio ed è stato come svolgere un compito in classe, perciò non è stato male, sebbene la tensione ci fosse sempre”.

Le tracce sono state soddisfacenti?

Alessia ritiene che fossero “abbastanza complesse da argomentare” e che non l’hanno “soddisfatta per niente”.

Andrea, ITIS, invece, ha pareri divisi: “Mi aspettavo delle tracce migliori, personalmente erano argomenti lontani da me, escluse quello sullo sport e sul progresso scientifico, che ho trovato molto interessanti.”

La maggior parte delle tracce le ho trovate noiose e poco stimolanti”, dice Emilia, liceo delle scienze umane, “E questo è stato il problema principale perché mi ha portato delle difficoltà a scrivere cose interessanti.”

Immaginavi ci sarebbero state tracce del genere o te ne aspettavi altre?

Alessia ed Emilia concordano sul fatto che ci sarebbero potute essere altre tracce, come quella sul “cambiamento climatico, su cui mi aspettavo una traccia”.

Alessia, in più, si aspettava anche delle tracce su “Leopardi, dato che ricorre il bicenternario del suo Infinito”.

Quale traccia hai scelto e perché?

Tommaso ha scelto “Dalla Chiesa perché era il settore dove io ero qualitativamente più preparato, diciamo”.

Alessia, invece, ha scritto “sul nucleare e sull’innovazione tecnologica, perché, nonostante a me piacessero quelle culturali, ho svolto per 13 anni di scuola verifiche riguardo il patrimonio culturale, per cui sono andata ad esclusione visto che quelle di attualità non mi piacevano e quelle letterarie non le abbiamo trattate bene a scuola, anzi Sciascia non lo abbiamo proprio trattato.”

“Ho scelto la traccia B2 perché è stata l’unica che mi ha permesso di parlare di tecnologia e scienza.“, dice Andrea, mentre Emilia ha preferito non rischiare con la traccia C1.

Domenico, liceo classico, ha scelto la traccia B2, inerente al brano “l’illusione della conoscenza”, poiché “era quella che mi convinceva di più per le tematiche e perché la vedevo molto più attuale rispetto a un altro”.

In base alle prove degli scorsi anni, ritieni che questa sia stata più complessa o più semplice?

Alessia e Andrea ritengono la prova più complessa degli anni precedenti, mentre Emilia pensa che solamente la tipologia A fosse più semplice rispetto agli altri anni.

Domenico condivide la loro idea, ritenendole “molto più complesse rispetto a quelle delle simulazioni”.

E invece voi, da esterni, cosa ne pensate della prima prova del 2019?

icon-stat Maturità 2019: ecco cosa ne pensano gli studenti che hanno svolto la prima prova
Views All Time
413
icon-stat-today Maturità 2019: ecco cosa ne pensano gli studenti che hanno svolto la prima prova
Views Today
3