Cultura

Un cuore di latta contro la violenza: Irama e Sanremo 2019

Tra i tanti brani presenti quest’anno a Sanremo, sicuramente spicca La ragazza con il cuore di latta. Passato forse in secondo piano rispetto al vincitore Mahmood o al polemico Ultimo, in realtà si tratta di una canzone dal tema profondo, ben interpretata dal giovane Irama.

Irama, vincitore dell’ultima edizione di Amici, con i suoi soli 23 anni, ha portato sul palco dell’Ariston una canzone che parla di violenza domestica e tutto ciò che ne concerne, dal dolore di non poterne uscire alla speranza di una nuova vita.

Il cantautore italiano era ben consapevole dell’importanza del tema ma questo non l’ha certo smosso dalla voglia di raccontare la verità, presente in molte storie che spesso rimangono nascoste. Non è facile avere a che fare con violenza ed abusi, e spesso il raccontarlo risulta scomodo. Non è un caso che infatti la storia si ispiri a vicende davvero accadute ad una ragazza amica di Irama.

 

“Il tema è pesante ma, lo dico sempre durante i miei concerti, le parole pesano e i messaggi sono importanti: è dovere di un cantautore raccontare la verità. La verità è tutto e mi ha sempre macchiato la pelle. Un cantautore non deve avere filtri. Vorrei che dalla canzone uscisse il coraggio di queste persone e il fatto che la musica possa essere di aiuto”

Il brano, che si potrebbe definire un rap melodico, racconta della difficile crescita di una donna, Linda, che da bambina “diceva di essere diversa”. Il suo cuore infatti “che non batte da tempo”  non le permette di vivere l’infanzia assieme agli altri bambini che si limita a guardare dalla finestra. Il tutto metafora della sua condizione fisica che le necessiterà in seguito di un pacemaker.

A donarle un cuore di latta” sarà suo padre, uomo che in realtà abusa di lei, ed è qui che attraverso frasi forti come “Linda sentiva i brividi quando quel verme entrava in casa sbronzo” che Irama, racconta della violenza subita.

giornale-di-monza-960x444 Un cuore di latta contro la violenza: Irama e Sanremo 2019
giornale di monza

Il cantante però, non si è limitato a cantare un brano che si fermi solamente alla dura realtà della violenza. Ha voluto anche donare una possibilità, una via di uscita, a tutti coloro che subiscono questi abusi.

Infatti romanticamente descriverà che “Linda è cresciuta con un cuore che non batte a tempo Ma adesso dentro la sua pancia batte un cuore in più”, a dimostrazione che nonostante una persona abbia un passato doloroso che l’ha resa più fragile di molti altri, è possibile entrare nel suo mondo e lasciare che venga amata e che possa amare.

Non è facile rinascere dopo aver subito una violenza, fisica o psicologica che sia. Non è facile riprendere in mano la propria vita e costruire qualcosa di bello se è stata portata via la verginità, la dignità, la libertà, il proprio animo. Ma a volte le persone possono sorprendere, e togliere il fiato, e si impara così ad avere nuovamente fiducia.  

Concetto espresso con la frase che riecheggia nel ritornello e che descrive una delle cose più importanti: la vicinanza dell’altro e il suo profondo amore che può cambiare tutto:

 

 “E non lo senti che Questo cuore già batte per tutti e due
Che il dolore che hai addosso non passa più
Ma non sei più da sola ora siamo in due
Io ci sarò comunque vada”

testo completo: qui

icon-stat Un cuore di latta contro la violenza: Irama e Sanremo 2019
Views All Time
1071
icon-stat-today Un cuore di latta contro la violenza: Irama e Sanremo 2019
Views Today
1