Achille Lauro: Angelo o demone?

Achille Lauro, il giovane rapper romano, continua ad essere avvolto da un vortice di polemiche. Prima l’accusa a proposito del suo pezzo “Rolls Royce” considerato un inno alla droga, poi il plagio e infine, ieri, Striscia la Notizia, che durante questo mese non ha lasciato in pace il cantante, lo accusa di inneggiare alla violenza. Lauro si difende con un post su instagram, in cui si definisce “un buon esempio”.

Ma dove è la verità? Achille Lauro è un angelo o un demone?

Partiamo da Rolls Royce. Sebbene il cantante abbia affermato che il pezzo non riguarda assolutamente la droga, ma è un tributo alle icone mondiali dagli anni Cinquanta, Striscia la Notizia rilancia ricordando che Achille Lauro aveva pubblicato un libro “Sono io Amleto” in cui era presente un capitolo intitolato “Confessioni di un pusher”.

Il cantante ha raccontato il suo passato in cui dichiarava di vivere in un quartiere dove girava droga ed era dunque facile cadere nella trappola della tossicodipendenza e dello spaccio. Questo però ovviamente, non significa che Rolls Royce sia un brano che voglia condurre i giovani verso comportamenti devianti.

La polemica contro Lauro continua anche dopo Sanremo, infatti ieri è andato in onda un servizio di Striscia la Notizia che ha mostrato come durante alcune esibizioni del rapper, precedenti alla performance dell’Ariston, siano volate non solo parolacce ma anche spintoni verso alcuni fan.

Per difendersi da ciò, Achille pubblica un post su instagram in cui afferma: “Siamo figli di chi ha dedicato tutta la propria vita al lavoro, a cui tuttavia per tanti anni nessuno ha mai riconosciuto nulla.” “Oggi ho pagato per riavere i gioielli che mia madre aveva impegnato.”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Sono figlio di gente onesta, il secondo di due fratelli. Mia madre é sempre stata una persona altruista, generosa, longamine. Abbiamo vissuto con altri bambini perché mia mamma prendeva in casa figli di famiglie in difficoltà, anche quando possibilità non ne aveva. Siamo figli di chi ha dedicato tutta la propria vita al lavoro, a cui tuttavia per tanti anni nessuno ha mai riconosciuto nulla. Ho ricordi di momenti in cui non si sapeva che fine avremmo fatto, se saremmo riusciti a coprire i debiti. Ricordo quando fuori fingevo di aver già cenato perché mi vergognavo a uscire e a non avere soldi per pagare il conto. Oggi ho pagato per riavere i gioielli che mia madre aveva impegnato. Quei gioielli che sua madre le aveva regalato erano l’unico ricordo che conservava di lei. Le generosità che mi è stata insegnata è la mia più grande ricchezza. Io sono come i tanti ragazzi della mia generazione, siamo cresciuti da soli crescendoci l’un l’altro. Nessuno conosce la mia vera storia. Non voglio essere un buon esempio, Io sono un buon esempio. AL

Un post condiviso da ACHILLE LAURO (@achilleidol) in data:

Contesta tutti coloro che lo criticano affermando che nessuno conosce la sua storia e che lui è un buon esempio, ma come credere alle sue parole quando i video schiaccianti mostrano in realtà una persona che insulta e picchia i fan?

Ci troviamo davanti ad un ragazzo che ha dichiarato di essere il nuovo Vasco Rossi, ma che in realtà di “Rock and Roll” condivide forse solo quel passato difficile, un po’ stereotipo di tante rockstar che hanno fatto la storia della musica.

A voi l’ardua sentenza.

Views All Time
Views All Time
446
Views Today
Views Today
2
Next Post

Cereali da colazione: stop al pieno di zuccheri raffinati

Facebook Twitter LinkedIn Sapevi che alcune tipologie di cereali, specie quelli per bambini, sono costituite per metà del loro peso da zuccheri raffinati? Altre, invece, possono rappresentare una valida scelta per la nostra prima colazione Abbandoniamo il tanto amato cornetto del bar, o i biscotti da inzuppo che tanto ci […]

Subscribe US Now