Crea sito

Mototurismo, fenomeno da 2 miliardi per l’Italia

L’inverno è al suo culmine e l’Italia è innevata quasi da Nord a Sud, quindi c’è poco spazio per le moto, che riposano nelle rimesse in attesa di climi più favorevoli: eppure, questo è il periodo giusto per progettare i viaggi primaverili ed estivi in sella alla propria due ruote, magari alla scoperta di qualche itinerario turistico nel Belpaese.

Il business del mototurismo

D’altra parte, il mototurismo è un fenomeno in costante crescita che, negli ultimi anni, sta assumendo le forme di un capitolo importante del business turistico, al punto che gli esperti stimano in circa 2 miliardi di euro all’anno l’impatto di questo settore sull’economia italiana. Nello specifico, la società di ricerca Jfc ha studiato il mototurismo e ha pubblicato uno studio in cui presenta i suoi numeri più interessanti: oltre ai due miliardi circa di fatturato, di cui il 70 per cento provenienti dai viaggiatori stranieri, si contano 12 milioni di presenze complessive, con oltre 3 milioni di mototuristi italiani che effettuano la propria vacanza in moto dentro i confini nazionali, mentre allargando lo sguardo all’estero ci sono 6 milioni di italiani on the road al di fuori dei confini italiani, per un valore complessivo di fatturato generato all’estero pari a 900 milioni.

Settore da 2 miliardi di euro

Lo studio si concentra sull’impatto per i territori scelti dai viaggiatori, che beneficiano della presenza dei turisti per quanto riguarda il sistema dell’accoglienza e quello dei percorsi eno-gastronomici, ma non bisogna poi dimenticare anche la spesa necessaria per rimettere in sesto le moto e acquistare eventualmente nuove componenti per escursioni in sicurezza. Da questo punto di vista, un’altra tendenza è quella dell’acquisto online sia per i pezzi di ricambio che per le gomme, grazie ad esempio a piattaforme come EuroimportPneumatici che, con le sue costanti offerte pneumatici moto, si guadagna l’attenzione dei biker alla ricerca della miglior soluzione tra qualità e risparmio.

Le mete del 2019

Ma quali sono le proposte più interessanti per gli itinerari di viaggio in questo 2019? Alle prime posizioni ci sono innanzitutto le destinazioni marittime, che vanno per la maggiore a cominciare dalla primavera: le coste tirreniche, dalle rinomate località di Liguria e Toscana fino ai posti meno noti della Campania o della Calabria, sono in grado di conquistare per varietà di paesaggio e panorami mozzafiato, mentre dall’altra parte l’Adriatico risponde con le sue distese più regolari.

Dal mare ai monti

Nel periodo di calca estiva, invece, meglio puntare la moto su destinazioni montuose, alla ricerca di riparo dalla folla e dall’afa: pollice in alto per le montagne abruzzesi o quelle della Basilicata (non dimenticando che Matera è capitale europea della Cultura per quest’anno), o verso le classiche località alpine. Inoltre, grande attenzione la meritano anche i grandi appuntamenti dedicati agli appassionato di moto: ad esempio, lo scorso luglio Misano è stata invasa da 100 mila motociclisti per il World Ducati Week, mentre a fine settembre il centro storico di Modena è stato affollato dai fan dell’Honda Gold Wing e il Lario preso d’assalto dai biker Guzzi.

Le destinazioni per l’estero

Per chi predilige il fascino dell’estero le possibilità sono molteplici: la meta che raccoglie la maggior quota di viaggi in moto sono gli Stati Uniti, ma si difendono bene anche i più vicini Paesi del Nord Africa, mentre a completare il podio ci sono i paesaggi della Nuova Zelanda. A livello mondiale, si stima che mototuristi siano circa 117 milioni e solo in Europa ci sono 10,5 milioni di persone che seguono questa filosofia di viaggio esplorativo.

Views All Time
Views All Time
51
Views Today
Views Today
1
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.