Follow JC Go: il Vaticano lancia la caccia al Santo

Follow JC Go: il Vaticano lancia la caccia al Santo

Dagli uffizi del Vaticano, ecco la nuova applicazione che calca le orme del celebre Pokémon Go: è aperta la caccia per santificarli tutti!

E alla fine, successe l’imprevedibile.
Negli ultimi anni la religione cristiana è riuscita, finalmente, a riprendere quota grazie all’elezione di Papa Francesco. Un personaggio fresco, innovativo, che è riuscito a portare una ventata d’aria nuova all’interno delle stanze del Vaticano. Le novità si sprecano, dalle affermazioni a favore degli omosessuali, all’aura di austerità che ha finalmente acquisito la Santa Sede. Finalmente si è tornati a rispecchiare quelli che sono i valori fondamentali del pensiero francescano. Sino a poche ore fa, quando è avvenuto l’impronosticabile.
Pur di avvicinare, nuovamente, i giovani al cattolicesimo, il Vaticano ha lanciato la nuova app per Smartphone Follow JC Go, la versione santificata di Pokémon Go.

Ed è subito scattata la corsa all’ironia.
Il popolo del web è letteralmente impazzito di fronte a questa notizia. Il lancio di questa novità ha scosso le fondamenta del creato, ribaltando completamente la nostra visione del mondo.

Ricordo ancora quando, da piccolo, il buon vecchio Don PG ci metteva in guardia sui messaggi satanici nascosti all’interno delle cartucce di Pokémon Rosso e Blu. Questi, infatti, rischiavano di risucchiarci nelle profondità dell’Inferno grazie al Game Link. Secondo radio Vaticano, i Pokémon non sono altro che strumenti per diffondere elementi magici esoterici. Per alcuni siti d’informazione cattolica non ufficiali, addirittura, Pikachu significa “100 volte viva Satana”.

Da allora, di strada la chiesa ne ha fatta parecchia. Oggi il “Cantico delle Creature” è la nuova “Viva i Pokémon”, e Ash Ketchum si è scoperto essere un diretto discendente di San Francesco. 
Al di là degli scherzi, la nuova applicazione lanciata dal Vaticano è stata testata direttamente da Sua Eminenza Papa Francesco, ed approvata dall’intera Curia.

Il sistema di gioco è praticamente identico a quello della popolare applicazione della Niantic. Lo scopo dell’avventura è quello di collezionare idoli sacri. Ciò sarà possibile non attraverso le popolarissime sfere Poké, ma tramite dei quiz a sfondo biblico.
Un nuovo modo, dunque, di attirare i giovani attraverso gli strumenti a loro vicini. La strada potrebbe effettivamente essere quella giusta, ma la prossima volta forse è meglio evitare di plagiare ciò che, fino a un ventennio fa, era considerato, dagli uomini del Vaticano stesso, uno strumento del Demonio.

Giovani bambini e adolescenti di tutto il mondo, preparatevi, perché adesso è arrivato il momento di santificarli tutti: Gotta Saintificy em all!

Pubblicato da Alex Rossi

Nato con i piedi storti, questo ragazzo ha iniziato ad approcciarsi al giornalismo per colmare la distanza tra sé stesso ed il campo da calcio. Crescendo, ha capito che il mondo è una tavolozza, e ci sono colori molto più belli da descrivere o raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.