Abbronzatura : i vari effetti sulla pelle ma anche sulla “psiche”

martysmith89

“Sotto il sole, sotto il sole, di Riccione, di Riccione…” cantano i Thegiornalisti in una loro celebre canzone, tormentone dei primi mesi di quest’estate ormai quasi alla fine.

Un’estate fatta di mare, relax e sole, tanto sole, con un’unico scopo: la tanta agoniata abbronzatura, meglio nota anche come “tintarella”: nel passato vista come prerogativa di classi sociali deboli,oggi divenuta un vero e proprio sinonimo di benessere e di vita agiata, ricca di piaceri, viaggi e avventure.

Tanto che c’è chi si prepara con largo anticipo all’estate, chi con un’alimentazione adeguata chi con qualche “trucchetto”, come lampade o letti solari, e alla fine delle nostre vacanze spesso diventa un motivo di vanto, un qualcosa da sfoggiare con orgoglio.

Ma l’abbronzatura non è un gioco,nè un qualcosa che possiamo prendere alla leggera.

Abbronzatura
Fonte : Pixabay

Questo perchè l’abbronzatura, contrariamente a quanto si può pensare, è una vera e propria risposta del nostro corpo quando viene esposto al sole: infatti la melanina, quel pigmento prodotto quando ci esponiamo ai raggi solari e “responsabile” del colorito più o meno scuro della nostra pelle, ci aiuta a  proteggerci dalle radiazioni ultraviolette generate dal sole stesso.

Quindi sì è vero che essere abbronzati è salutare ed evita la depressione, ma da lì a dire che fa bene alla nostra salute è ciò che è più lontano dalla verità,perchè il pericolo è sempre dietro l’angolo, e in questo caso il principale si chiama “tumori cutanei”.

Tra questi il più noto è senza dubbio il melanoma, oltre ad essere il più più grave e il più pericoloso perché rispetto ad altri tumori cutanei può dar luogo con maggiore frequenza a metastasi. A questo vanno aggiunti anche  i carconomi basocellulari e i carcinomi spinocellulari (così denominati in quanto colpiscono, rispettivamente, le cellule dello strato basale e dello strato spinoso dell’epidermide).

Altri effetti dannosi causati dall’abbronzatura,ed in particolare da un’eccessiva esposizione solare sono :

  • invecchiamento precoce della pelle
  • perdita progressiva dell’elasticità
  • progressiva disidratazione

Pertanto, l’abbronzatura e l’esposizione al sole non sono un gioco e non fanno bene come si pensa.

Fonte : Pixabay

Pertanto, vanno moderate, evitando l’esposizione nella fascia oraria tra le 11:00 e le 16:00, in cui l’intensità dei raggi UVB (i più pericolosi, perché responsabili delle ustioni e dell’invecchiamento della pelle, e perché aprono la strada ai melanomi) è massima.

Inoltre è importante proteggersi adeguatamente con creme solariche vanno applicate almeno 15 minuti prima di esporsi al sole, e rinnovata ogni 2 ore (anche se si sta sotto l’ombrellone “all’ombra”,in quanto il riverbero sulla sabbia e sull’acqua, e della radiazione diffusa favoriscono l’esposizione ad almeno il 50% dei raggi UVB).

Fonte : Pixabay

Inoltre scegliere la crema solare in base al proprio fototipo.

Quando non possiamo fare a meno dell’abbronzatura: la tanoressia

E’ risaputo che la maggior parte delle persone non possono fare a meno della “tintarella” e altrettanti tendono a sottovalutare i rischi che un’esposizione eccessiva al sole può portare.

Ma quello che in pochissimi forse sapranno, è che il sole può creare dipendenza, tanto quanto se non di più delle più note sostanze stupefacenti in commercio (cocaina, oppiacei…): una dipendenza che prende il nome di tanoressia.

Questo è dovuto al fatto che l’ esposizione cronica agli ultravioletti stimola nel nostro corpo il rilascio di β-endorfine, gli ormoni del benessere, ma al tempo stesso in grado di generare dipendenza, al pari degli oppiacei, e di conseguenza anche assuefazione ed astinenza.

Una vera e propria “fame di sole”, come si può intuire dall’origine del termine, combinazione dei termini termini tan (abbronzatura) e orexía, dal greco órexis (appetito).

Analogamente all’anoressia, dispercezione corporea che porta l’individuo che n’è affetto a non sentirsi mai abbastanza magrola tanoressia porta la persona affetta a non sentirsi mai abbastanza abbronzata, e a cercare continuamente l’esposizione al sole, portando alle conseguenze già accennate precedentemente (tumori della pelle e tutto ciò che comporta un’eccessiva esposizione al sole),

Questo è legato spesso ad una sensazione di  insicurezza del sé corporeo” che ci porta a vedere l’abbronzatura come un qualcosa in grado di aumentare la nostra autostima e a renderci di buonumore.

Esiste una cura? Sì

La tanoressia è considerata, come accennato in precedenza, come una vera e propria dipendenza, che ha la sua origine a livello nervoso, anche se il fattore scatenante è il sole; pertanto,oltre alla protezione solare, è l’utilizzo di alcuni farmaci, soprattutto gli antidepressivi e i farmaci serotoninergici in generale.

Inoltre è importante concentrarsi sugli aspetti psicologici,pertanto può essere utile consultare un psicoterapeuta che ci può aiutare a comprendere le  cause psicologiche alla base della malattia e a prenderne consapevolezza.

 

Sì al sole, ma con moderazione!!!

SITOGRAFIA:

https://www.focus.it/scienza/salute

https://www.tantasalute.it/articolo/tanoressia

 

 

 

 

Views All Time
Views All Time
763
Views Today
Views Today
3
Next Post

I peggiori re del XX secolo: Edward VIII e i Savoia

Facebook Twitter LinkedIn Se Elisabetta II può giustamente vantarsi di essere nel cuore del suo popolo e nella storia come il regno più lungo, ve ne sono altri che, invece non possono godere di questa fortuna ed anzi sono simbolo di terrore. Uno in Inghilterra, nella stessa Royal Family della […]

Subscribe US Now