Usa: avvocato si dà fuoco come protesta contro i cambiamenti del clima

Usa: avvocato si dà fuoco come protesta contro i cambiamenti del clima

David Buckel, 60 anni, si è tolto la vita dandosi fuoco nel bel mezzo del Newyorkese “Prospect park”. Il gesto estremo del noto avvocato è il capitolo finale della sua lotta contro l’inquinamento del pianeta.

Alle prime luci dell’alba, David ha deciso di darsi fuoco in segno della sua protesta contro la crisi climatica del nostro pianeta. Ad assistere al gesto estremo dell’avvocato, soltanto un ragazzo che stava correndo nel parco. Non lontano dal luogo del suicidio, un biglietto lasciato da David, che si aggiunge alle numerose mail da lui inviate a vari testate giornalistiche americane, come sua ultima eredità. L’avvocato americano, ha voluto sottolineare l’importanza del suo gesto. Nelle parole che ha lasciato nel biglietto e nelle mail, ha spiegato come il suo gesto fosse la metafora di quello che stiamo facendo a noi stessi e al nostro pianeta.

David Buckel avvocato
Fonte: cronacaeattualita.blogosfere.it

David Buckel è noto per essere sempre stato in prima linea nei grandi casi giudiziari americani. Tra questi, quello di Brandon Teena, un giovane trans stuprato e ucciso in Nebraska nel 1993.

Il caso di Brandon Teena divenne un film nel 1999, dal titolo “Boys don’t cry”. La pellicola ricostruì la vicenda del caso giudiziario in difesa del giovane transessuale. David Buckel si batté fortemente per il riconoscimento dei diritti degli eredi di Teena, contro uno sceriffo della contea che ostacolò la giustizia in favore del giovane. Fu Hilary Swank ad interpretare Brandon Teena, ruolo con cui vinse l’Oscar nel 1999. Notevole fu anche l’impegno dell’avvocato Buckel nella lotta per i diritti degli omosessuali. Il suo lavoro fu decisivo per la legalizzazione delle nozze gay negli Usa.

Boy's don't cry David Buckel
Fonte: it.wikipedia.org

Dopo aver dedicato la sua carriera al sostegno della conquista dei diritti della comunità LGBT, David Bucker negli ultimi anni si era dedicato alla difesa dell’ambiente.

Grandioso il lavoro svolto dall’avvocato Bucker come giardiniere urbano ed ecologo. Egli si concentrò nella rivalutazione del giardino botanico di Brooklyn e creò un programma di riciclaggio dell’umido in America, utilizzando soltanto energie rinnovabili. Ed è nel verde di un parco che Bucker ha deciso di compiere il suo ultimo e certamente più grande, atto di protesta.

David Buckel suicidio
Fonte: news.com.au

 “Che la mia morte prematura rispecchi quel che stiamo facendo a noi stessi”.

Queste alcune delle parole che l’avvocato Bucker ha voluto lasciare all’opinione mediatica. Il suo desiderio è stato quello di portare le persone a riflettere su quello che stiamo facendo alla nostra casa, la Terra. Speriamo soltanto che la sua morte non sia stata invana.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.