• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Tutti
Juve, così fa male! Decisivo un rigore allo scadere

Juve, così fa male! Decisivo un rigore allo scadere

Le scosse del terremoto di magnitudo 3.0, con epicentro Stadio Olimpico di Roma si sono fatte sentire, e non poco, anche al Santiago Bernabeu. I tifosi blancos ci ridono su, mentre i bianconeri ne deducono che l’impossibile, a volte, si può realizzare.

Allegri, in barba alle chiare origini toscane, sembra conoscere quell’antico detto tramandato dalla saggezza popolare dei contadini salentini, il quale recita pressappoco così: mangia secondo i tuoi gusti e vestiti secondo i gusti di chi ti sta attorno.  E così il buon Max, reduce dalle critiche che gli sono state rivolte al termine della gara d’andata, ritrova Matuidi e Pjanic e decide di drappeggiare la sua Juve in quel vestito che tanto ha soddisfatto i suoi tifosi.

LA JUVE SULLA SCIA DELLA ROMA

I bianconeri, col petto gonfio d’orgoglio, partono subito forte e, dopo soli 90 secondi, trovano il gol dell’1-0 grazie ad un’incornata di Mandzukic al termine di un contropiede orchestrato da Douglas Costa. Il Real ha fiducia nella spinta del pubblico del Bernabeu, ma teme la rimonta e si affida ai piedi esperti dei suoi palleggiatori per congelare l’impeto bianconero. Al quarto d’ora Allegri è costretto ad utilizzare un cambio: De Sciglio accusa un dolore al piede sinistro e viene sostituito da Lichsteiner. Il cambio è fortunato perché al 37’ è proprio dai piedi del terzino svizzero che parte l’azione del raddoppio, con Khedira che riceve e  accarezza il pallone per il solito Mandzukic.

Si va al riposo con la Juventus lanciatissima verso il raggiungimento del suo obiettivo anche grazie alle prodezze in porta di Gigi Buffon, e alla sapienza tattica di Chiellini in marcatura stretta su Cristiano Ronaldo.

Nella ripresa Zidane si affida alla lunga panchina a disposizione, e decide di sacrificare Bale e Casemiro per lo spauracchio Asensio e il giovane Vazquez. Ma nonostante questo stravolgimento tattico del tecnico francese, la Juve riesce a trovare il gol che pareggia i conti: al 60’ Navas non respinge un tiro di Douglas Costa, e Matuidi ne approfitta per ribadire in rete il gol del 3-0; è apoteosi Juve a Madrid.

IL COLPO DI SCENA

A questo punto della partita la stanchezza azzanna i muscoli dei 22 giocatori in campo e, inevitabilmente, i ritmi si abbassano. Zidane butta nella mischia l’ex Inter Kovacic, mentre Allegri ritiene giusto attendere i supplementari per giocare la carta Cuadrado. È a questo punto che accade l’imponderabile. Il colpo di scena che lascia tutti a bocca aperta. Siamo a 30 secondi dalla fine dei 3 minuti di recupero concessi dall’arbitro. Kroos lancia in area di rigore avversaria una preghiera, Ronaldo mette in mezzo per Vazquez  il quale termina a terra a seguito di un tocco da dietro di Benatia. Per il 33enne fischietto inglese è calcio di rigore. Buffon perde la testa e viene espulso per proteste. Dopo 8 minuti di incredulità totale di tutto il popolo bianconero, Ronaldo realizza dal dischetto la rete che manda il suo Real alle semifinali di Champions League.

DOPOPARTITA TURBOLENTO

Al netto dei 180’ la Juventus non sembra aver demeritato il passaggio del turno. Serviva una partita al limite della perfezione in uno stadio in cui i padroni di casa difficilmente non ottengono il risultato sperato, e gli uomini di Allegri non hanno tradito le attese anche grazie all’iniezione di fiducia regalata dalla Roma. Rimane una partita d’andata con qualche sbavatura pagata a caro prezzo e con alcune decisioni di Allegri che hanno fatto discutere. Ma la prestazione offerta nella gara di ritorno può lasciare soddisfatti tutti i tifosi. Il pressing voluto da Allegri non ha permesso ai maestri spagnoli di esprimersi al meglio, mentre Cristiano Ronaldo è stato badato a vista da due, come Chiellini e Benatia, che non concedono grossi spazzi  agli avversari.

Nel dopopartita l’episodio del calcio di rigore è ciò che più fa discutere, con il presidente Andrea Agnelli, visibilmente contrariato che invoca l’introduzione della tecnologia anche nelle competizioni europee e Buffon ancora irritato dal comportamento dell’arbitro inglese.

La Juventus non riesce nell’impresa di ribaltare il risultato dell’andata, ma possiamo essere tutti fieri delle due serate di grande calcio che, sia la Roma che i bianconeri, hanno regalato a tutti i tifosi italiani.

 

 

 

icon-stat Juve, così fa male! Decisivo un rigore allo scadere
Views All Time
670
icon-stat-today Juve, così fa male! Decisivo un rigore allo scadere
Views Today
1