Babbo Natale e altre storie magicamente vere

Babbo Natale e altre storie magicamente vere

Babbo Natale e altre storie magicamente vere

San Nicola era anche incaricato di sorvegliare i bambini perché facessero i buoni e dicessero le preghiere. Ma la Riforma protestante, a partire dal Cinquecento, abolì il culto dei santi in gran parte dell’Europa del Nord. Chi sarebbe stato l’eroe dei bambini. In molti casi il compito fu attribuito a Gesù Bambino, e la data spostata dal 6 dicembre a Natale. Ma il piccolo Gesù non sembra in grado di portare troppi regali, e soprattutto non può minacciare i bambini cattivi. Così gli fu spesso affiancato un aiutante più forzuto, in grado anche di mettere paura”.

Babbo Natale

Nacquero così nel mondo germanico alcune figure a metà tra il folletto e il demone. Alcune, come i Krampus, servono da aiutanti dello stesso san Nicola; in altre il ricordo del santo sopravvive nel nome, come Ru-klaus (Nicola il Rozzo), Aschenklas (Nicola di cenere) o Pelznickel (Nicola il Peloso). Erano loro a garantire che i bambini facessero i buoni, minacciando punizioni come frustate o rapimenti. Per quanto possa sembrare strano, anche da questi personaggi nasce la figura dell’allegro vecchietto in slitta. 

Gli emigranti portarono queste leggende in America dove, grazie alla Coca Cola nacque il personaggio che ancora oggi conosciamo.

(nella pagina seguente…la storia “vera” di Belle)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.