31 Ottobre 2020

Europa League, Lione – Atalanta termina 1 – 1.

Nella seconda giornata di Europa League, la Dea  non brilla e soffre per buona parte dell’incontro. Nel primo tempo è irriconoscibile e subisce troppo l’avversario. Ma nella ripresa il Papu regala un pareggio che vale oro.

PRIMO TEMPO DI SOFFERENZA.

Gasperini non si fida del Lione in crisi di risultati in campionato, e così schiera un prudente 5-4-1.

Ma i nerazzurri sembrano lontani parenti della squadra scesa in campo contro l’Everton solo quindici giorni fa. Troppo rintanata e costretta da un modulo che evidentemente non le appartiene. È raro vedere gli uomini di Gasperini così incapaci di imporre il proprio gioco,  e salvati in diverse occasioni da Berisha costretto a fare gli straordinari.

L’occasione migliore arriva paradossalmente per l’Atalanta: il promesso sposo juventino Spinazzola, si inventa una giocata che Heteboer spreca malamente, spedendo incredibilmente fuori.

Ma è solo un’illusione. L’Atalanta ritorna a soffrire e allo scadere del primo tempo subisce il gol del vantaggio francese con Traorè pronto a respingere la ribattuta del portiere nerazzurro.

MEGLIO IL SECONDO TEMPO.

Nella ripresa Gasperini ritorna sui suoi passi e si affida al classico 3-4-3 che tanto ha fatto gioire i tifosi bergamaschi.

La Dea torna ad indossare il suo vestito preferito, e prende in mano le redini del gioco. Così al 12’ il Papu fa recapitare il proprio curriculum, con tanto di lettera di presentazione, a Fekir che nella conferenza stampa della vigilia aveva dichiarato – in modo provocatorio? – di non conoscerlo.

Caldara è bravissimo a guadagnare la punizione al limite dell’area francesce. Il fuori classe di Buenos Aires non si fa pregare due volte e disegna una traiettoria che beffa il portiere avversario e fa gioire i 3000 tifosi  bergamaschi giunti fino a Lione.

L’Atalanta è però costretta a soffrire ancora in questa partita. Caldara prima e Berisha poi, salvano il risultato. A questo punto il Lione non ne ha più e i nerazzuri amministrano fino al 90’.

L’Euro-Atalanta colpisce ancora e grazie al pareggio dell’altra partita del girone, tra Everton e Apollon, mantiene, contro ogni pronostico della viglia,  la testa della classifica del girone E di Europa League.

Views All Time
Views All Time
294
Views Today
Views Today
1