Guida al campionato: quinta giornata di Serie A

Guida al campionato: quinta giornata di Serie A

SPAL 0-2 MILAN (Rodriguez, Kessie)

I rossoneri non sbagliano, battendo gli emiliani con un secco 2-0, avvicinandosi pericolosamente al podio con 12 punti guadagnati con quattro vittorie su cinque giornate giocate. E’ San Siro il teatro di questa coreografia calcistica che vede i rossoneri vincere di rigore, il primo messo a segno dall’ex Wolfsburg, Rodriguez, il secondo, invece, nella ripresa, realizzato dall’ivoriano Kessie.
Successo meritato del Milan, ma sicuramente la Spal non può contare note di demerito nella disputa di questa sera. Nella ripresa, infatti, gli emiliani hanno cercato in tutti i modi di far indietreggiare gli uomini di Montella, arrivando fino alla linea di porta.
Ma il diavolo rosso non si smentisce mai e, riesce a servirsi un gol a nove minuti di distanza dal primo, lasciando la spal, che è riuscita a fare rete solo in una delle quattro partite giocate, a bocca asciutta.
In conclusione, la partita conferma Kalnic come punta di diamante e prezioso contrbuto nel gioco, grazie alla sua presenza costante nelle azioni più importanti, e rinvia a prossi
mo giudizio Calhanoglou ed Andrè Silva, acquisti d’oro della squadra, ma dimostratisi meno d’oro nel gioco.

UDINESE 2-3 TORINO (Belotti, aut. Hallfredsson, De Paul, Ljajic, Lasagna)
Una vittoria importante per il Torino, in una partita che è riuscita ad accorciare le distanze nonostante le premesse non fossero affatto positive. Infatti, solo dopo 10 minuti, è Maxi Lopez a provarci facendo subire tutta la pressione al Toro, ma Belotti, dal piede furioso, riesce a segnare la sua terza rete su cinque presenze. Ma non bastano a decretare il vincitore. Dopo il primo gol si susseguono un’autorete di Hallfredsson e un colpo di Ljajic, consacrando una vittoria contro i due punti segnati dall’Udinese. Modulo vincente non cambia: Mihajlovic mantiene il 4-2-3-1 che già aveva fruttato precedentemente tre vittorie, a differenza dell’Udinese che parte da incubo e mantiene un gioco di offensiva mal riuscita, dal momento che l’unica punta di risalto è Maxi Lopez. Positivi sicuramente De Paul e Jankto, che riesce a dare imprevedibilità all’Udinese creando un gioco tutto suo, mantenendo la palla del pareggio nel finale. Sicuramente un match da chiudere nel dimenticatoio quello di Hallfreddson, che mostra subito una scarsa resistenza, sbagliando ogni giocata, riuscendo addirittura a farsi ammonire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.