ALZHEIMER: UN PASSO AVANTI MADE IN ITALY

ALZHEIMER: UN PASSO AVANTI MADE IN ITALY

VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLA MEMORIA

Come accennato in precedenza,il MdA è una patologia che colpisce soprattutto la memoria: uno dei sintomi precoci più comuni, infatti, è la difficoltà a ricordare informazioni apprese recentemente.

Per “memoria” s’intende la modalità con cui le modificazioni della funzione, della struttura del cervello si consolidano, s’immagazzinano nel SNC per essere poi eventualmente riattivati in momenti successivi,quando ve n’è la necessità.

(In altre parole,è la capacità del nostro cervello di conservare,sedimentare,depositare nuove informazioni,allo scopo di poterle riutilizzare in caso di necessità)

Il nostro cervello memorizza le informazioni ricevute in modo diverso,in base a ciò che deve essere memorizzato e al tempo in cui la memoria deve risultare efficace.

E per ogni tipo di memoria,esiste un’area,una struttura cerebrale specifica deputata ad essa.

FONTE : enciclopedia Treccani

IPPOCAMPO.

Svolge un ruolo importante nella memoria a lungo termine e nella navigazione spaziale.

CORTECCIA INFERO-TEMPORALE.

È l’area unimodale gerarchicamente più alta nel sistema di elaborazione dell’informazione,nella percezione e nella memorizzazione visive

AMIGDALA

E’ l’area della memoria emozionale.

CORTECCIA PRE-FRONTALE.

Area coinvolta nella memoria legata all’ordine temporale degli eventi.

CERVELLETTO

Svolge un ruolo importante nellarea emozionale, e quindi regola le risposte emotive associate alle differenti situazioni.

NUCLEO STRIATO

Area cerebrale in cui vengono immagazzinati i ricordi di relazioni persistenti tra stimoli e risposte.

Pubblicato da martysmith89

Se dovessi descrivere la mia vita, la definerei come un paesaggio pedemontano, dove rilievi irti e rocciosi si intrecciano con ampie vallate sconfinate. La mia prima grande passione,quella per la scienza, c'è stata fin da piccola ma ha cominciato ad assumere la forma della Biologia in seconda liceo, e dell'Immunogenetica adesso. L'altra, quella per la scrittura, quasi in parallelo, grazie ad eventi casuali: per me è stato come un fulmine, che mi ha colpita e ha lasciato un segno indelebile. Io e la scrittura siamo unite da un filo invisibile ma solido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.