• thewebcoffeeyt@gmail.com
  • Italia
Tutti

Come avete conosciuto la vostra metà?

Maria (storia nata giorno dopo giorno,
fino a confessarsi reciprocamente il desiderio di stare insieme, una
bellissima storia che va avanti da 5 anni):

Ho conosciuto il mio lui perché amico di mio fratello. Veniva a casa a
studiare con lui. Ho sempre pensato che fosse un tipo interessante, ma
non avrei mai pensato di avere una storia con lui.

Fino a quando un giorno, per pure caso, non siamo usciti insieme, solo
noi due, perché mio fratello non si è presentato che doveva andare altrove.
E avendo già un po di confidenza abbiamo.iniziato a parlare solo noi due.
Ero un po imbarazzata, però non.vedevo l’ora. Era una sensazione strana.

Ero davvero curiosa di conoscerlo e mi piaceva la sensazione che provavo
quando c’era lui. Quando sapevo che veniva a casa ero più allegra del solito.
Ma ripeto, nonostante mi sentissi così non pensavo che ci saremmo messi
insieme.

Abbiamo continuato ad uscire insieme anche senza mio fratello, andavamo a
correre o a fare dei giri in bicicletta. Per me.uscire con lui significava
staccare il cervello e stare bene.

Lui mi confidò che provava qls per me, e così, anche se avevo paura, perché
sapevo che non sarebbe mai piaciuto ai miei, ho deciso di rischiare.
Rischiando ho scoperto con il tempo che voler davvero bene una persona vuol
dire ” mettere da parte quel che poco conta”. Ho compreso che cosa vuol dire
scegliere.

E nonostante sia tanto tempo che stiamo insieme, io provo ancora quella
bellissima sensazione quando sto lui. È unico, mi fa sentire speciale.

Le storie di Angelica, per arrivare al suo bel
lieto fine:

Prima storia:

Ero all’università in un aula in disparte a studiare chimica. Arriva un
ragazzo con un’amica e dice “posso?”. Io lo guardo e non rispondo. C’erano
un centinaio di posti liberi… Perché sedersi proprio accanto a me? Iniziò
a parlare. Mi mostrò una foto dei suoi muscoli. Mi sembrò arrogante.

Uno che se la tirava. Lui pensò la stessa cosa di me. Mi stava antipatico e
non gli davo importanza. Fin quando un giorno a mensa mi raccontò della sua
famiglia. Quel giorno capì il perché dei suoi atteggiamenti e iniziai a
vederlo con occhi diversi.

Andammo al palaghiaccio. Lui cadde ed io lo medicai. Fu lì che i nostri sguardi
si incrociarono davvero per la prima volta. Da quel giorno iniziammo a
chiacchierare tramite sms, come si faceva un tempo. C’era molta complicità.

Decidemmo di vederci per studiare insieme. Le aule erano chiuse, la biblioteca
stracolma. Fummo costretti a studiare in macchina. Non riuscivamo a studiare,
troppo imbarazzo. Ci guardammo e ci baciammo. Un bacio lungo e appasionato.
Atteso…
Dopo 6 anni e mezzo ci siamo lasciati. L’errore più grande che si possa fare
è accettare qualsiasi cosa quando si è innamorati. Ma l’amore non è violenza…
E per violenza non intendo solo quella fisica, ma anche quella verbale e
psicologica.

icon-stat Come avete conosciuto la vostra metà?
Views All Time
1343
icon-stat-today Come avete conosciuto la vostra metà?
Views Today
1