Crea sito

Milena Vittucci

Mi chiamo Milena Vittucci, ho 25 anni e sono di Roma. Provengo da un percorso universitario prettamente storico-letterario; sono laureata in lettere moderne, per la laurea triennale, ed in storia e comunicazione, per la laurea magistrale. Da quando ne ho memoria, però, nutro una forte passione per il mondo della comunicazione. E' importante, per me, saper comunicare sotto ogni punto di vista; mi reputo, infatti, una persona molto socievole e sempre pronta a relazionarsi con il prossimo, perché credo sia un ottimo bagaglio culturale ed umano. Nel corso della mia esperienza universitaria ho maturato una buona propensione a lavorare in team ed alla dinamicità, ho sviluppato la mia creatività ed accresciuto la mia curiosità sul mondo. La scrittura, la lettura, la fotografia, l’arte, sono gli hobbies principali che, da sempre, accompagnano la mia vita. La scrittura ed il campo della ricerca hanno permesso, in particolar modo, non soltanto di dar forma al mio essere, ma soprattutto di dar vita ad una passione di cui sono fermamente convinta e che, giorno dopo giorno, si accresce e si sviluppa sempre di più attraverso il confronto diretto con le mie idee, con quelle degli altri e con quelle relative al mondo esterno. Per circa due anni, spinta dalla stessa passione, ho volontariamente collaborato per la rivista “UniVerso UniVersitario, la Rivista per soli studenti”, recensendo articoli di cultura generale (relativi soprattutto al mondo dell’arte), ed in questo ultimo periodo ho sviluppato un particolare interesse verso le categorie di genere ed il mondo femminile, su cui ho basato la mia tesi di laurea magistrale, concentrandomi sulla figura di Franca Rame e sulla sua concezione di “femminismo”. La passione per la scrittura mi accompagna ancora oggi: attualmente, dunque, collaboro per la rivista mensile "IL PREVIDENTE CISL FP" e per la rivista online "THE WEB COFFEE". Vorrei poter, dunque, fare del giornalismo la mia vita non soltanto perché credo nelle sue numerose potenzialità, ma soprattutto perché il giornalismo rappresenta per me il mondo dell’interdisciplinarità per eccellenza, in grado di poter soddisfare a pieno l’amore che nutro nei confronti della conoscenza.